Home » Concorsi Pubblici » Banca d’Italia: borse di perfezionamento per gli studenti italiani più meritevoli

Banca d’Italia: borse di perfezionamento per gli studenti italiani più meritevoli

C’è crisi, è innegabile. E voi vedete i posti per ottenere le borse di studio ridursi, il costo dei Master alzarsi e la possibilità di una formazione post-lauream allontanarsi drammaticamente fino a diventare piccola come un puntino all’orizzonte.

Per fortuna, però, c’è chi vi tende la mano in un momento così difficile: la Banca d’Italia infatti mette a disposizione delle borse di studio per neolaureati che intendono perfezionare gli studi nel campo dell’economia politica e della politica economica, nel campo delle metodologie matematiche, statistiche ed econometriche e sul contributo del quadro giuridico-istituzionale alla crescita economica e alla efficiente allocazione delle risorse.

Sono anni ormai che la Banca d’Italia finanzia borse di studio per gli studenti più meritevoli che intendono proseguire gli studi nel campo delle Scienze Economiche . La conditio sine qua non per partecipare al concorso è infatti un voto di laurea non inferiore a 110/110, con una netta preferenza per le eccellenze.

Perché mai un istituto così grande e famoso punta così tanto sulla formazione? In un momento di crisi non dovrebbe valere la legge “trova lavoro subito e tienitelo stretto”? Assolutamente no, la Banca d’Italia si schiera dalla parte di chi crede che sia necessario crescere e formarsi, prima di poter dare un consistente contributo come forza lavoro. Ormai in queste fila si è rimasti in pochi, ma è importante constatare che non si è soli e guardarsi intorno prima di gettare la spugna e veder fallire il progetto di formazione superiore per cui abbiamo lottato durante gli anni di studio universitario.

 

I requisiti per fare domanda per le Borse di studio sono pochi e semplici:

  • Cittadinanza Italiana;
  • Laurea specialistica/magistrale ovvero laurea quadriennale o di durata superiore conseguita posteriormente al 31 luglio 2009 – con un punteggio non inferiore a 110/110 – presso un’università o un istituto superiore italiani;
  • Ottima conoscenza della lingua straniera utilizzata nei corsi universitari prescelti per la fruizione della borsa.

La borsa prevede l’erogazione di 24.000 euro per l’anno accademico, cifra che sarà suddivisa in 4 rate; la Banca d’Italia si riserva inoltre la facoltà di convocare i vincitori e i particolarmente meritevoli per l’anno accademico 2012/2013 a selezioni per il conferimento di borse di avviamento alla ricerca della durata di tre mesi prorogabili fino a sei e da fruire all’interno dell’Istituto.

 

La domanda di partecipazione, corredata dalla documentazione richiesta dal bando, dovrà essere presentata entro e non oltre le ore 18.00 del giorno 13 Ottobre 2011 attraverso l’applicazione disponibile sul sito Internet della Banca d’Italia.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare il bando dalla pagina web dell’Istituto.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*