Home » Offerte di Lavoro » Lavorare in Siae: Tirocini Formativi per Neolaureati e Studenti

Lavorare in Siae: Tirocini Formativi per Neolaureati e Studenti

Avete mai pensato a come potrebbe essere difficile difendere qualcosa di immateriale? Cosa fareste se vi dicessero che dovete stare attenti a che in tutto il mondo un filmato, una canzone, o un certo libro non vengano riprodotti in maniera illegale? Impossibile, direte voi! Bisogna lavorarci su, vi diciamo noi.

Lavorare in Siae: Tirocini Formativi per Neolaureati e StudentiSe ci pensate bene vi ricorderete che un’associazione per la difesa dei diritti d’autore in Italia esiste giĂ , e si chiama SIAE. Avrete sicuramente visto il bollino argentato che riporta questa sigla, per esempio su un CD musicale.

 

La SIAE comunque è un ente pubblico economico, e come ente impiega addetti, funzionari e tecnici presso i proprio uffici. Qualunque sia il vostro grado di istruzione, oggi potete candidarvi presso la SIAE. Alcune figure verranno destinate alla sede della Direzione Generale a Roma, altre invece agli uffici delle filiali su tutta la rete territoriale.

 

La sigla SIAE sta per SocietĂ  Italiana Autori ed Editori, ed è un’associazione pubblica fondata a Milano nel 1882, presso Palazzo Marino. Tra il primo consiglio direttivo figurarono allora Edmondo De Amicis, Francesco De Sanctis, Giosuè Carducci e Giuseppe Verdi. La sede generale venne poi spostata a Roma nel 1926, dove si trova tuttora. L’attivitĂ  dell’ente è la seguente: concedere le licenze e le autorizzazioni per l’utilizzo con fini economici delle opere, percepire i proventi delle licenze, e ripartirli tra gli editori o gli autori di queste.

 

Ovviamente gli autori o i proprietari delle opere non sono obbligati a depositare le loro creazioni presso l’associazione, ma possono dimostrare la paternitĂ  con altri mezzi. In ogni caso, molti artisti sia italiani che stranieri si affidano alla SIAE: in tutta Italia ci sono ben 600 circoscrizioni mandatarie, che effettuano funzioni di sportello, 13 sedi regionali e 34 filiali.

 

Il tirocinio consiste in un periodo di orientamento al lavoro e di formazione. Esso non si configura come un rapporto di lavoro subordinato ma consiste in una misura formativa di politica attiva permettendovi di vivere temporanee esperienze all’interno di dimensioni lavorative per favorire una conoscenza diretta della dimensione “lavoro”.

 

Tipologie di tirocinio

Tirocini “curriculari”, quelli inclusi in un processo di apprendimento formale svolto all’interno di piani di studio delle università e degli istituti scolastici.  Questa tipologia di tirocinio serve ad affinare il processo di apprendimento attraverso l’alternanza scuola/lavoro. Rientrano in tale categoria i tirocini attivati da parte di Università o altri istituti universitari abilitati al rilascio di titolo accademici, istruzione scolastica che rilascino titoli aventi valore legale, centri di formazione professionale operanti in regime di convenzione con Provincia o Regione. Il soggetto che vuole iniziare un tirocinio formativo curriculare deve essere uno studente iscritto al corso di studio attivato da chi promuove il tirocinio medesimo.

Tirocini “extra curriculari”, quelli finalizzati ad agevolare le scelte professionali dei giovani nella fase di transizione dalla scuola al lavoro mediante una formazione in un ambiente produttivo ed una conoscenza diretta del mondo del lavoro. Appartengono alla categoria dei tirocini non curriculari: i tirocini di reinserimento o inserimento al lavoro mirati ad inserire ovvero reinserire nel mondo del lavoro soggetti privi di occupazione (inoccupati e disoccupati) ma anche lavoratori in mobilità. La disciplina di quest’ultimi spetta integralmente alle Regioni.

 

Se siete interessati ai tirocini Formativi della SIAE, registratevi da qui

www.siae.it/it/chi-siamo/la-siae/lavora-con-noi

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrĂ  pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*