Home » Concorsi Pubblici » EPSO: Concorso per Laureati in Psicologia e Pedagogia

EPSO: Concorso per Laureati in Psicologia e Pedagogia

Educare, etimologicamente, significa stillare, goccia dopo goccia, le cattive inclinazioni, per innaffiare gli animi con abitudini migliori: quanto una società civile ha bisogno di esperti che si occupino di educazione? I bambini sono il nostro futuro: in chi, se non in loro, bisogna premurarsi di seminare bene badando alla qualità dell’educazione impartita?

Se sei uno psicologo con esperienza nel campo dell’educazione non potrai non trovare allettante l’idea di curare, con perizia, un giardino di servizi per l’infanzia, attraverso cui aiutare tutti i gli uomini e le donne di domani a sbocciare nel migliore dei modi. Se la possibilità di lavorare a stretto contatto con bambini, con i genitori e con altro personale che si occupa dell’infanzia, è un’opportunità che vorresti cogliere al volo, inizia a preparare il tuo curriculum vitae:  l’EPSO, su richiesta della Commissione europea, ha indetto un bando di selezione per l’assunzione di psicologi educativi.

Qual è quell‘organo esecutivo che si occupa di rappresentare gli interessi dell’Europa? Qual è quell’organo che ha il compito di portare avanti gli obiettivi dell’Unione Europea nella sua totalità, di fissare le priorità dell’UE nel suo complesso, prescindendo dagli interessi dei singoli Stati europei? “Quell’organo” è la Commissione europea. La Commissione europea, per svolgere le sue funzioni, può contare su un organico di migliaia di dipendenti distribuiti in diversi settori: presto anche tu potresti essere uno di questi dipendenti.
Guarda se ci sono nuove opportunità di lavoro in Europa.

Per rimanere aggiornati sulle nuove opportunità di lavoro per Psicologi salvate nei preferiti questa pagina.
L’EPSO, ossia l’Ufficio Europeo di Selezione Personale, ha infatti indetto un bando proprio su richiesta della Commissione Europea. La Commissione europea sta cercando psicologi educativi pieni di voglia di occuparsi del mondo dell’infanzia, colmi di desiderio di impegnarsi nel proprio lavoro e ricchi di talento nell’esercizio della propria professione. Per venire incontro alle esigenze della Commissione Europea, l’EPSO ha aperto una procedura di selezione al fine di creare una banca dati di candidati idonei tra cui scegliere chi assumere come psicologo scolastico. Di cosa dovranno occuparsi i laureati in psicologia e pedagogia che verranno assunti dalla Commissione Europea? Essi avranno un contratto a tempo determinato e dovranno aiutare nella gestione di servizi per l’infanzia a Bruxelles, Lussemburgo e Ispra.

Vediamo insieme quali sono i requisiti per presentare la propria candidatura a questo bando di selezione:

  • Cittadinanza e diritti: per prendere parte a questo bando di selezione indetto dall’EPSO è necessario essere cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea e godere pienamente dei diritti politici.
  • Titolo di studio: il vostro titolo di studio deve essere un titolo di studio che vi permetta di lavorare nei ruoli per cui è aperta la selezione, pertanto, per quanto riguarda i cittadini italiani, è necessaria la laurea in psicologia o pedagogia.
  • Esperienza lavorativa: qual è un altro requisito che è importante possedere per candidarsi? Occorre aver lavorato per almeno un anno come psicopedagogista o in ruoli analoghi. Per partecipare a questo bando dell’EPSO è quindi necessario aver messo a frutto le proprie conoscenze teoriche grazie ad un’esperienza di almeno 12 mesi nel settore.
  •  Conoscenza delle lingue: oltre alla propria lingua madre è necessario possedere una buona conoscenza della lingua inglese o francese o tedesca. Del resto stiamo parlando di un’opportunità di lavoro offerta dalla Commissione Europea: come si potrebbe fare a meno di una buona conoscenza delle lingue straniere?

 

Come fare allora per presentare la tua candidatura? Per partecipare a questo bando di selezione promosso dall’EPSO  è necessario presentare online la propria domanda di partecipazione entro e non oltre il 12 Marzo 2013 e prestando attenzione alla lingua: il modulo di domanda, infatti, va compilato in una lingua a scelta tra inglese, francese e tedesco.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*