Home » Guide al Lavoro » Quanto si guadagna » Come si Diventa Croupier e Quanto si Guadagna

Come si Diventa Croupier e Quanto si Guadagna

Avete visto di recente Rain Man, o Ocean’s Eleven o Una Notte da Leoni… Confessate: un pensierino a quella dimensione parallela che è Las Vegas vi è scappato.

Come si Diventa Croupier e Quanto si GuadagnaLe luci, la musica, il gioco: l’interno di un casinò può essere, a seconda dei punti di vista, il paese dei balocchi per qualcuno o un incubo ad occhi aperti per qualcun altro.

Ma oltre al fasto c’è qualcosa di più: vi siete mai soffermati a pensare a tutte le opportunità di lavoro che può offrire un casinò? Per questo abbiamo pensato di proporvi la nostra piccola guida su come si diventa croupier (e quanto si guadagna!).

Se in Italia il gioco d’azzardo sta prendendo piede a poco a poco, ci sono stati in cui è una solida realtà economica e professionale da più di qualche decennio. Non serve andare fino Las Vegas, basta guardare agli altri paesi europei, dove in grandi città come Londra la domanda per professionisti in questo settore è stabile e in crescita costante. Il Croupier è un mestiere nobile e ha una sua storia che parte dal Medioevo: Croupier infatti deriva dal francese Chavalier Accroupi, letteralmente accovacciato, che era la figura che stava accovacciata accanto ai giochi di società per servire i giocatori.

Dietro il mestiere vero e proprio, infatti, c’è una dimensione affascinante di vera e propria “cultura” del gioco, basti pensare che un tempo era un mestiere che si tramandava di padre in figlio, che vuole che questo professionista sia un po’ il “braccio” della tanto celebre Dea Bendata.

 

 

COME lavora un croupier?
Il Croupier si occupa di servire al tavolo i giocatori: accetta le scommesse, controlla la liceità delle puntate e paga le vincite. Fondamentale la velocità: più veloce è il croupier, più giocate si fanno, più guadagna il casinò. Oltre a lavorare in velocità e a scrutare il tavolo controllando che non ci siano irregolarità, il croupier deve anche occuparsi del “customer service”: soprattutto in contesti dove non ci sono giocatori professionisti, è compito del croupier intrattenere il cliente e spiegargli come funziona il gioco.

QUALI sono gli “ingredienti” necessari per diventare croupier?
Chi lavora nel settore da anni dice che non servono particolari abilità matematiche, quanto invece sia fondamentale possedere una certa velocità e scioltezza nei movimenti. Lavorando spesso durante turni notturni, è necessario che il croupier sia in grado di mantenere un alto livello di concentrazione anche per un buon numero di ore e che sia portato a lavorare a contatto con il cliente, che in alcuni casi non è della tipologia più mansueta.

 

 

COME si diventa croupier?
Al di là della naturale disposizione e del possesso di ottime caratteristiche di partenza, ci sono apposite scuole che offrono validi corsi di formazione. La formazione può essere specifica per la professione del croupier, che si occupa di giochi tradizionali come roulette francese, chemin de fer e 30/40, per la professione del dealer, specializzato in giochi americani come black jack, roulette americana, craps, oppure per la professione di pokerboy, generalmente prevede corsi più brevi, per lavorare ai tavoli di poker.

QUANTO si guadagna?
Come in altri ambiti lavorativi, spesso ci sono differenze abissali tra gli stipendi: dipende molto dalla città in cui è collocato il casinò, dalla sua dislocazione e dalla sua fama. Lo stipendio per un croupier alle prime armi va dagli 800 ai 1200 euro, a cui si aggiungono le mance che a volte arrivano a costituire anche il 50% dello stipendio, mentre un ispettore, la figura che controlla i croupier, guadagna a partire dai 2000 euro al mese. Per quanto riguarda invece i pit boss, coloro che controllano un’intera area di gioco con diversi tavoli, lo stipendio supera facilmente i 5000 euro.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*