Home » Concorsi Pubblici » ISTAT: 12 assegni di ricerca per laureati

ISTAT: 12 assegni di ricerca per laureati

ISTAT: 12 assegni di ricerca per laureati Arrivano buone notizie per i ricercatori nel campo della statistica.L’Istituto Nazionale di Statistica infatti ha emesso un bando per l’assegnazione di 12 assegni di ricerca per laureati e dottori con scadenza prevista per l’8 giugno 2014.

 

In base all’art. 11 del regolamento per il conferimento degli assegni di ricerca che disciplina il trattamento economico degli assegni, determinato in tre distinte fasce in relazione ai requisiti di accesso, alla complessità del progetto e alle attività scientifiche da svolgere gli assegni, in numero complessivo di 12, saranno distribuiti nella seguente suddivisione: 9 assegni spetteranno alla I fascia e 3 alla II.

 

L’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT)è un ente di ricerca pubblico italiano, le cui attività comprendono: censimenti sulla popolazione,censimenti sull’industria, sull’agricoltura e sui servizi e numerose indagini economiche. L’Istat è il produttore di statistica ufficiale a supporto dei cittadini e dei decisori pubblici. Per statuto, la realizzazione di indagini, studi e analisi è finalizzata alla produzione di statistica ufficiale e a soddisfare il bisogno informativo espresso dalla collettività.

 

 

Gli assegni di I fascia riguardano nove diverse categorie:

  • “Aspetti medotologici connessi all’uso degli scanner data per la costruzione di indicatori congiunturali”
  • “Misure di distribuzione del reddito delle famiglie tramite integrazione di informazioni a livello micro e macro”
  • “Acquisizione, trattamento e conservazione di big data”
  • “Indicatori sintetici (composite indicators)”
  • “Smart cities”
  • “Misurazione del capitale umano e del capitale relazionale”
  • “Integrazione delle diverse fonti di dati per lo studio longitudinale dei percorsi formazione-lavoro”
  • “Integrazione micro-trasversale e micro-longitudinale delle indagini campionarie e delle rilevazioni di fonte amministrativa di flusso in ambito socio-demografico”
  • “Studio di indicatori di integrazione sociale della popolazione Rom”

Gli assegni di II fascia riguardano tre ambiti quali:

  • “Analisi delle metodologie utilizzate per la costruzione degli andamenti tendenziali di finanza pubblica”
  • “Scomposizione della dinamica della produttività e dell’occupazione per tipologia di impresa”
  • “Metodologie didattiche per la progettazione di ambienti di apprendimento web”

 

Come si può accedere agli assegni di ricerca? L’ISTAT ha definito una serie di parametri per ciascuna delle categorie sopra espresse. In generale per poter accedere ad un assegno di ricerca viene richiesta esperienza di un anno in ambito scientifico-professionale in statistica e/o in economia applicata. Il titolo di studio che viene richiesto è quello del diploma di laurea specialistica o magistrale o dell’ordinamento antecedente il D.M: 509/199 in scienze statistiche o equipollenti. In particolare per l’area tematica 5 “Smart cities” viene richiesta una laurea in ingegneria ambientale, scienze statistiche o scienze sociologiche. Per le aree tematiche della II fascia il titolo richiesto è quello del dottorato in scienze statistiche o in economia. L’area tematica 12 richiede a differenza delle altre un dottorato di ricerca in scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche.

 

 

Per l’ammissione alla selezione, oltre ai titoli di studio, vengono richieste la conoscenza della lingua inglese e quella delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche, oltre al pieno riconoscimento dei diritti politici.

Le domande di ammissione vanno presentate entro trenta giorni dalla pubblicazione del bando sul sito dell’ISTAT compilando il modulo disponibile sul sito alla sezione “Concorsi, Selezioni per il conferimento di assegni di ricerca” e seguendo le istruzioni lì riportate. I documenti da allegare alla domanda sono il proprio CV indicante le ricerche svolte e comprensivo delle pubblicazioni ottenute. Per coloro che volessero prendere visione del bando nella sua interezza e di tutte le informazioni relative alle selezioni e al trattamento economico può cliccare qui.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*