Home » Ricerca per Regione » Lavoro Veneto » Lavoro per Disoccupati: 42 Posti dal Comune di Venezia

Lavoro per Disoccupati: 42 Posti dal Comune di Venezia

Ci sono ambiti lavorativi in cui è facile “muoversi” tra un’azienda e l’altra, cambiare mansione pur rimanendo nello stesso settore e trovare un nuovo lavoro senza doversi preoccupare troppo: si tratta di settori dinamici, in cui domanda e offerta sono in equilibrio e il cambiamento è rapido e possibile.

Lavoro per assistenti alla segreteria in Europa. 2.400 Euro al meseIn altri ambiti purtroppo non c’è questa dimensione che corre in aiuto e, quando termina un contratto e si è costretti a cambiare azienda, non arriva subito l’opportunità di tornare a lavoro. In questi casi, per non rimanere con le mani in mano, è importante mantenersi attivi e nel pubblico in alcune città italiane ci sono ottime possibilità.

 

Come a Venezia, dove il Comune offre lavoro per disoccupati, per coprire 42 posti di lavoro all’interno di progetti di pubblica utilità.

 

Il Comune di Venezia ha indetto una selezione per 42 Disoccupati da inserire all’interno di progetti di pubblica utilità, cioè attività straordinarie, occasionali e temporanee di interesse locale. Per partecipare ai progetti i candidati dovranno iscriversi alle singole liste dalle quali i soggetti attuatori attingeranno per l’assegnazione degli incarichi. I lavori di publica utilità avranno una durata di 6 mesi e a ciascun soggetto verrà corrisposto un compenso pari a 4.125,00 euro lordi.
Ecco le diverse mansioni all’interno dei progetti di pubblica utilità del CPI di Mestre:

  • operaio generico per la manutenzione del verde (26 posti)
  • operaio generico per piccole manutenzioni (14 posti)
  • operaio specializzato carpentiere (1 posto)
  • operaio specializzato elettrotecnico (1 posto)

 

Per poter partecipare alle selezioni, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere un’età non inferiore ai trentacinque anni
  • essere residenti nel Comune di Venezia
  • essere in stato di disoccupazione ai sensi del D.Lgs. 181/2000
  • essere iscritti al Centro per l’impiego
  • non essere percettore di trattamenti di sostegno al reddito o fruitori di ammortizzatori sociali
  • non essere titolare di trattamento pensionistico di vecchiaia, anzianità e inabilità (con eccezione quindi dei titolari di trattamenti di reversibilità, di assegni di invalidità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria, di assegni e pensioni di invalidità civile)

 

 

Per partecipare ai progetti di pubblica utilità, è necessario inviare la domanda di partecipazione, allegando tutta la documentazione richiesta, entro e non oltre il 27 Ottobre 2014.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*