Home » Economia e Lavoro » Bonus Inps » Bonus Babysitter 2016 da 600 al mese per le Mamme

Bonus Babysitter 2016 da 600 al mese per le Mamme

Ci sono probabilmente poche esperienze al mondo che hanno una portata sconvolgente quanto la nascita di un figlio all’interno della vita di un essere umano. Un bambino influenza dinamiche individuali e relazionali, ha il potere di far cambiare ritmi, abitudini, modi di essere e di agire, può spostare equilibri sbilanciandoli o riassestandoli.

 

Si tratta di un’avventura emozionante e complessa e che, a differenza di altri cambiamenti che apportiamo alla nostra vita, non ha una vera e propria fine. Certo, dalla nascita fino alla maggiore età c’è un impegno anche economico dietro alla gestione di un figlio decisamente non di poco conto: per questo il Governo ha deciso di dare un’ulteriore impulso per l’anno 2016, mettendo a disposizione dei neogenitori un bonus babysitter di 600 euro al mese

 

Il bonus babysitter è stato lanciato in via sperimentale nel 2012, come appendice della riforma Fornero. Il risultato? Dei 20 milioni stanziati per finanziare questi voucher ne sono stati impiegati unicamente 5; per questo il Governo ha annunciato che per l’anno 2016 il voucher babysitter passerà da 300 a 600 al mese, per utilizzare i fondi non impiegati. Il voucher babysitter consiste dunque nell’erogazione, da parte dell’INPS, di 600 euro netti al mese per coprire le spese di una babysitter o la retta di un asilo nido, al termine del congedo obbligatorio di maternità.

 

Per poter richiedere il voucher babysitter, è necessario che le mamme siano parte delle seguenti categorie:

  • lavoratrici dipendenti pubbliche o private
  • lavoratrici iscritte alla Gestione Separata INPS
  • libere professioniste iscritte ad INPS
  • lavoratrici autonome e imprenditrici non iscritte alla gestione separata

 

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*