Home » Economia e Lavoro » Lavoro in Banca Credem per 150 Neolaureati entro il 2016

Lavoro in Banca Credem per 150 Neolaureati entro il 2016

Saranno 150 i giovani al di sotto dei 30 anni che il gruppo bancario Credem assumerà entro fine 2016.

Lavoro in Banca Credem per 100 Neolaureati entro il 2015Profili economici, bancari, giuridici ma anche legati alla comunicazione e al marketing. L’offerta di lavoro proposta dal Gruppo Credem, indirizzata sia alla rete commerciale sia alla direzione centrale, è rivolta prevalentemente a Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Sardegna.

A dare la notizia è il Gruppo stesso, attraverso un recentecomunicato, che fa seguito al nuovo programma assunzionale di Credem lanciato lo scorso settembre, che prevedeva 100 nuove assunzioni nel Gruppo, aumentando queste ultime di 50 ulteriori unità di personale.

 

Stando a quanto annunciato precedentemente, le assunzioni in Banca Credem previste sono rivolte a ragazzi di età inferiore ai 30 anni, un target su cui il Gruppo sta investendo molto, sia in termini di potenziamento dell’organico che di formazione interna del personale, a cui saranno offerte concrete opportunità di crescita e di carriera.

 

Gli inserimenti riguarderanno, prevalentemente, i settori Information Technology, Commerciale eDirezione Centrale, ed ora il Gruppo ha annunciato che, oltre all’incremento dei posti di lavoro Credem che saranno creati, saranno potenziati anche gli investimenti per la formazione e la valorizzazione del personale.

 

L’azienda potrà proporre contratti a tempo determinato nel primo periodo, con successiva conferma a tempo indeterminato, ma anche contratti di apprendistato. I profili sono aperti per il 70% a laureati e per un 30% a diplomati in materie economiche, scientifiche e giuridiche.

La crescita professionale all’interno delle filiali – spiega il Gruppo in una nota – prevede, dopo un iniziale inserimento come operatore di sportello, un percorso di sviluppo come gestore clientela privati e small business, per poi eventualmente passare a funzioni di coordinamento in rete oppure all’interno di uffici di direzione centrale, fino ad arrivare a vere e proprie posizioni manageriali. Parallelamente agli ingressi in rete commerciale, i percorsi professionali per gli inserimenti in direzione centrale sono costruiti ad hoc a seconda delle esigenze delle diverse unità organizzative

«All’interno della banca – spiega ancora Reggiani – riveste molta importanza la job rotation, infatti il 50% dei neo assunti come operatori di sportello negli ultimi quattro anni oggi riveste un ruolo diverso a livello commerciale o di funzioni centrali. Inoltre, il 20% dei direttori di filiale ha meno di 35 anni e l’età media per questo ruolo è 44 anni. Per la formazione interna a tutto il personale ci avvaliamo della nostra “Scuola Credem” che nel solo 2013 ha erogato 200 mila ore di formazione complessive»

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*