Home » Concorsi Pubblici » Concorso Pubblico INPS per 900 Medici

Concorso Pubblico INPS per 900 Medici

inps-mediciNuovo Concorso INPS: l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale ha indetto un bando per 900 Medici a cui affidare collaborazioni professionali. Il bando ha scadenza 30 Novembre 2015; ecco maggiori dettagli sui posti di lavoro disponibili e come inviare le domande di ammissione alle selezioni.

 

Il concorso Inps ha lo scopo, in particolare, di individuare specialisti in medicina legale e in altre discipline mediche di interesse istituzionale, a cui affidare eventuali incarichi di lavoro a tempo determinato, al fine di assicurare l’espletamento degli adempimenti sanitari di competenza delle Unità Operative Complesse(UOC) e delle Unità Operative Semplici (UOS).

 

REQUISITI

Possono partecipare al bando Inps i Medici in possesso dei seguenti requisiti generali:
– non essere appartenenti ai ruoli di Amministrazioni Pubbliche collocati in quiescenza, che hanno svolto nell’ultimo anno funzioni e attività medico legali in ambito previdenziale e / o assistenziale, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato;
– non presentare contemporaneamente la domanda alla selezione per Medici ed Operatori sociali / Esperti ratione materiae;
– non esercitare l’attività di Medico di medicina generale o Pediatra convenzionato con il SSN presso il territorio in cui si dovrebbe svolgere l’incarico professionale;
– non esercitare incarico analogo a quello a concorso presso Commissioni mediche in ambito previdenziale e / o assistenziale;
– non effettuare consulenze tecniche di parte, per conto e nell’interesse di privati, attinenti all’attività dell’Inps, ovvero consulenze tecniche d’ufficio nei procedimenti giudiziari in cui l’Inps figura quale legittimato passivo;
– non svolgere o essere candidati per incarichi politici o amministrativi, presso organi o enti territoriali e / o nazionali, cariche elettive pubbliche, incarichi governativi, mandato parlamentare;
– non svolgere o aver svolto qualsiasi forma di collaborazione con CAF e Patronati nell’ultimo triennio;
– non essere titolari o avere compartecipazioni delle quote di imprese, qualora possano configurare conflitto di interesse con l’Inps;
– non essere assunti a tempo indeterminato presso enti pubblici o privati;
– assenza di condanne penali con sentenza passata in giudicato o di sanzioni disciplinari;
– non avere procedimenti penali in corso.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*