Home » Guide al Lavoro » Come diventare Arbitro di Calcio e quanto si guadagna

Come diventare Arbitro di Calcio e quanto si guadagna

Nuovo concorso gratuito per diventare arbitro di calcio. La sezione cagliaritana dell’AIA ha aperto le iscrizione per il prossimo corso per Arbitri 2016, per giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni. C’è tempo fino al 30 Gennaio 2016 per inviare le domande di partecipazione

Come diventare Arbitro di Calcio e quanto si guadagnaLa sezione di Cagliari dell’Associazione Italiana Arbitri FIGC ha organizzato, infatti, un corso gratuito per diventare arbitro di calcio

Il corso totalmente gratuito si svolgerà presso la sede AIA di Cagliari in Via Sonnino 37 ed avrà inizio nel mese diFebbraio 2016. Il conseguimento della qualifica di Arbitro Effettivo dell’AIA, è subordinato al superamento delle seguenti prove:

  • un test a risposta multipla sul gioco del Calcio, quindi sul regolamento tecnico e su quello associativo;
  • un colloquio con la Commissione esaminatrice;
  • una prova atletica su pista.

 

 

I candidati idonei potranno iniziare ad arbitrare nella categoria dei “Giovanissimi”, già a partire dalle domeniche successive.

Requisiti

  • cittadinanza italiana o straniera, con regolare permesso di soggiorno;
  •  età non inferiore ai 15 anni compiuti e non superiore ai 35 anni non compiuti;
  • aver conseguito almeno il titolo di studio della scuola media inferiore;
  • non avere già acquisito la qualifica di arbitro fuori quadro in un precedente rapporto associativo conclusosi con le dimissioni accettate;
  • non essere stati destinatari di provvedimenti di non rinnovo tessera e disciplinari più gravi della sospensione per oltre sei mesi;
  • non essere tesserati per alcuna società affiliata alla F.I.G.C.;
  • non essere stati dichiarati falliti in proprio quali soci di società di persone;
  • assenza di condanne penali anche non definitive per delitti dolosi negli ultimi 10 anni, e di condanne e procedimenti penali che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
  • assenza di procedimenti penali.

 

I partecipanti che supereranno con esito positivo gli esami finali conseguiranno la qualifica di Arbitro Effettivo dell’AIA e, in un secondo momento, riceveranno il materiale necessario per svolgere l’attività di arbitraggio, consistente in una divisa ufficiale e una Tessera Federale personalizzata con nome, cognome e codice meccanografico. Grazie a quest’ultima, gli Arbitri potranno, inoltre, entrare gratuitamente in tutti gli stadi d’Italia, in occasione delle manifestazioni organizzate dalla F.T.G.C. a livello nazionale, quindi serie A, B, Lega Pro, ecc.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*