Home » Concorsi Pubblici » Concorso Avvocatura dello Stato per 10 Posti

Concorso Avvocatura dello Stato per 10 Posti

Al via il bando 2016 per la selezione di Avvocati dello Stato. E’ stato indetto un concorso per esame teorico-pratico per la copertura di 10 posti di Avvocato presso l’Avvocatura di Stato.

Concorso Avvocatura dello Stato per 10 PostiPer partecipare al concorso forense c’è tempo fino al 12 marzo 2016.

 

Al  concorso possono partecipare i cittadini italiani in possesso dei requisiti:

  • procuratori dello Stato con almeno due anni di effettivo servizio;
  • magistrati ordinari nominati a seguito di concorso per esame, che abbiano superato diciotto mesi di tirocinio conseguendo una valutazione positiva di idoneità;
  • magistrati della giustizia militare che abbiano la qualifica equiparata a quella di magistrato ordinario di cui al punto 2;
  • magistrati amministrativi;
  • avvocati attualmente iscritti all’albo con l’anzianità di iscrizione non inferiore a sei anni;
  • dipendenti dello Stato appartenenti ai ruoli delle ex carriere direttive con almeno cinque anni di effettivo servizio, i quali abbiano superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato;
  • professori universitari di materie giuridiche di ruolo o stabilizzati e assistenti universitari di materie giuridiche, appartenenti al ruolo ad esaurimento, che abbiano superato gli esami di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato;
  • dipendenti di ruolo delle regioni, degli enti locali, degli enti pubblici a carattere nazionale, assunti mediante pubblici concorsi con almeno cinque anni di effettivo servizio nella carriera direttiva o professionale legale, che abbiano superato l’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato.

 

L’esame consterà di quattro prove scritte e di due orali. Le prime consisteranno: a) nella stesura di un atto defensionale di diritto e procedura civile; b) nello svolgimento di un tema di carattere teorico in diritto civile con riferimento al diritto romano; c) nella stesura di un atto defensionale o nello svolgimento di un tema di carattere teorico, a giudizio della commissione esaminatrice, in diritto amministrativo o tributario; d) nella stesura di un atto defensionale o nello svolgimento di un tema di carattere teorico, a giudizio della commissione esaminatrice, in diritto e procedura penale.

 

Le prove orali invece si comporranno: a) di un esame su diritto civile, procedura civile, diritto del lavoro, legislazione sociale, diritto regionale, diritto delle Comunità europee, diritto penale, procedura penale, diritto costituzionale, diritto ecclesiastico, diritto amministrativo, diritto tributario, contabilità di Stato, diritto internazionale pubblico e privato e diritto romano; b) in una difesa orale relativa ad una contestazione giudiziale il cui tema deve essere dato al candidato almeno ventiquattro ore prima.

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*