Home » Corsi di Formazione » Formazione e lavoro al Parlamento Europeo: stipendio da 1250 Euro

Formazione e lavoro al Parlamento Europeo: stipendio da 1250 Euro

Quanti giovani vorrebbero fare un’esperienza all’estero? Magari a Bruxelles, a Strasburgo o a Lussemburgo nelle prestigiose sedi del Parlamento Europeo. Magari, appunto. Mettere nel curriculum un’esperienza simile sarebbe grandioso!

 

Formazione e lavoro al Parlamento Europeo: stipendio da 1250 EuroC’è un’occasione da prendere al volo, subito. Perché mancano ancora pochi giorni per la scadenza, il 15 Maggio 2016. Quindi c’è ancora tempo per presentare la domanda. Carpe diem!

 

Scadrà infatti domenica 15 maggio il bando del progetto di formazione e lavoro del Parlamento europeo che prevede cinque mesi di durata e accoglie laureati e diplomati in diversi ambiti professionali.

Per partecipare è necessario avere superato i diciotto anni e conoscere una o più lingue ufficiali dell’Unione europea. Le opportunità sono per laureati, giornalisti, traduttori, interpreti.  Studenti e giovanissimi.

 

Alcuni tirocini sono retribuiti e prevedono una borsa di studio di  1 252,62 euro al mese.

Il Parlamento europeo propone varie possibilità di tirocinio nella sede del proprio Segretariato generale:

  • Tirocini per titolari di diplomi universitari (cosiddetti “tirocini Robert Schuman”). Hanno l’obiettivo di consentire ai tirocinanti di completare le conoscenze che hanno acquisito nel corso dei loro studi e di familiarizzarsi con l’attività dell’Unione europea e, in particolare, del Parlamento europeo. Questi tirocini prevedono: un’opzione generale, aperta a tutti i candidati che soddisfano le condizioni di ammissione; un’opzione giornalismo: i candidati devono avere un’esperienza professionale comprovata da pubblicazioni, dall’iscrizione all’ordine dei giornalisti di uno Stato membro dell’Unione europea o dal completamento di una formazione giornalistica riconosciuta negli Stati membri dell’Unione europea o negli Stati candidati all’adesione; un’opzione “Premio Sacharov”: questo programma è inteso ad approfondire la conoscenza dell’azione del Parlamento europeo a favore dei diritti umani e delle norme internazionali in materia, ed è rivolto ai candidati che presentano uno spiccato interesse per le questioni relative ai diritti umani.
  • Tirocini di formazione. Per i candidati che siano già titolari, prima della data limite di inoltro dell’atto di candidatura, di un diploma di fine studi secondari corrispondente al livello di accesso all’università o che abbiano compiuto studi superiori o tecnici di pari livello, purché abbiano compiuto 18 anni di età il primo giorno del loro tirocinio.
  • Tirocini di traduzione per titolari di diplomi universitari. I tirocini sono riservati ai titolari di diplomi rilasciati da università o istituti equivalenti.  Tra i requisiti: una perfetta conoscenza di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea o della lingua ufficiale di uno dei paesi candidati e una conoscenza approfondita di altre due lingue ufficiali dell’Unione europea. I tirocini di traduzione si svolgono a Lussemburgo. Nel 2016 la borsa di studio ammonta a EUR 1 252,62 al mese.
  • Tirocini di formazione alla traduzione. Il Parlamento europeo offre ai candidati che siano già titolari, prima della data limite di presentazione dell’atto di candidatura, di un diploma di fine studi secondari corrispondente al livello di accesso all’Università o che abbiano compiuto studi superiori o tecnici di pari livello, la possibilità di effettuare tirocini di formazione alla traduzione.
  • Interpreti di conferenza. Coloro i quali già dispongano della qualifica di interprete di conferenza e di una combinazione linguistica idonea possono presentare domanda per sostenere una prova di accreditamento o per partecipare ad un concorso generale

 

I candidati possono presentare la domanda di tirocinio solo via internet sul sito del Parlamento. Sarà poi l’ufficio tirocini a esaminare la ricevibilità delle candidatura e poi per ogni periodo di tirocinio, trasmettere alle diverse direzioni generali, le singole candidature accettate. Sono poi i servizi competenti delle direzioni generali a esaminare le candidature in base alle qualifiche e alla attitudini dei candidati e alle esigenze specifiche delle direzioni. Per tutte le informazioni e le modalità di invio della candidatura cliccare qui

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*