Home » Concorsi Pubblici » Concorsi al Comune di LIVORNO per 25 posti di Lavoro

Concorsi al Comune di LIVORNO per 25 posti di Lavoro

Sei vigili, 13 insegnanti della scuola per l’infanzia, 4 amministrativi, un ingegnere esperto in viabilità ed un operaio: ecco le 25 assunzioni previste (e approvate in giunta) dal Comune per il 2017.

Concorsi LivornoIn arrivo 25 assunzioni da parte del Comune di Livorno: la giunta guidata dal sindaco Filippo Nogarin ha varato il piano delle assunzioni del comunali per l’anno in corso.

In totale, spiega un comunicato, si tratta di 25 nuovi posti relativi a vari profili professionali: tredici insegnanti, sei agenti di polizia municipale, quattro amministrativi, un ingegnere (esperto in viabilità e trasporti) e un tecnico addetto alle manutenzioni.

 

Il piano assunzioni del Comune di Livorno prevede quindi nello specifico, come comunicato dall’amministrazione comunale stessa, l’inserimento nel corso dell’anno delle seguenti 25 figure:

  • 13 insegnanti di scuola dell’infanzia;
  • 6 agenti di polizia municipale;
  • 4 figure amministrative;
  • 1 ingegnere – esperto in viabilità e trasporti;
  • 1 tecnico addetto alle manutenzioni.

 

L’impegno di spesa a regime per tutte le nuove assunzioni ammonterà a circa 750 mila euro, cifra questa che tuttavia rientra nei principi di riduzione complessiva della spesa di personale e che rispetta il tetto del 25% dei pensionamenti del 2016, richiesto dalla legge. «Abbiamo cercato di contemperare ogni aspetto – conclude l’assessore al personale, Francesca Martini – i fabbisogni dei settori, i limiti di bilancio, il patto di stabilità e non ultima la nuova macrostruttura comunale.

Dopo l’esperimento delle procedure di mobilità, se non garantiranno la copertura dei posti richiesti, procederemo a bandire due grossi concorsi uno per gli insegnanti 0-6 e uno per amministrativo categoria D. Credo che veramente sia ora che l’amministrazione rinnovi i suoi organici attingendo dall’esterno e dando speranza anche ai tanti giovani qualificati e preparati che in Italia da troppi anni non hanno avuto occasioni per dimostrare le loro capacità»

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*