Home » Concorsi Pubblici 2018 » Concorso Consiglio Superiore della Magistratura per 16 Amministrativi

Concorso Consiglio Superiore della Magistratura per 16 Amministrativi

Il Consiglio Superiore della Magistratura – CSM è stato istituito nel 1907 dal Ministero della giustizia ed è un organo di importanza costituzionale.

Concorso Consiglio Superiore della MagistraturaAll’interno di questa Istituzione vengono prese tutte le decisioni più importanti relative ai magistrati, la finalità infatti è quella di garantire l’autonomia e i poteri all’interno della Magistratura, è quindi un organo di Rilievo Costituzionale.

E’ composto da 27 membri ed è governato dal Presidente della Repubblica, che di diritto insieme al Procuratore Generale della Corte Suprema di Cassazione ne fa parte.  I componenti rimanenti sono eletti per 2/3 dai  Magistrati ordinari e dalle componenti della magistratura e per 1/3 dal Parlamento.

Al momento sono 16 le posizioni aperte come Funzionari Amministrativi e il termine ultimo per poter presentare una domanda sono le 24:00 del 7 Giugno 2018.

Concorso CSM per Amministrativi

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – 4^ Serie Speciale, Concorsi ed Esami – n. 36 dell’8 maggio 2018  il bando per la copertura di 16 posti di Funzionario Amministrativo, con profilo giuridico, presso il CSM.

Si opererà all’interno dell’Area III, livello 1 e i selezionati dovranno prima effettuare una prova di 4 mesi per diventare effettivi all’interno  del ruolo organico del Consiglio Superiore della Magistratura.

Dei posti totali 6 sono riservati a coloro che hanno la qualifica di Assistente, Area II e sono di ruolo oppure che svolgono una funzione temporanea all’interno del CSM.

 

REQUISITI

All’interno del Bando i requisiti vengono suddivisi in 2 categorie: generici e specifici o titolo di servizio.

Requisiti generici

  •  cittadinanza italiana o cittadinanza appartenente ad un Paese dell’Unione Europea;
  • avere le qualità morali e di condotta richieste per la partecipazione ai concorsi della magistratura ordinaria;
  • godimento dei diritti politici;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • buona conoscenza della lingua inglese o francese. Per gli appartenenti a Paesi europei o per i cittadini italiani non appartenenti alla Repubblica italiana, è necessaria la conoscenza approfondita della lingua italiana;
  • potenziale permanenza in servizio per almeno 8 anni alla luce della normativa in vigore al momento della pubblicazione del bando;
  • non essere in stato di quiescenza;
  •  garantire una permanenza in servizio di almeno 8 anni;
  • non essere stati destituiti, licenziati o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, né decaduti o licenziati senza preavviso per aver conseguito l’impiego mediante produzione di documenti falsi;
  • altri requisiti richiesti dalle leggi vigenti.

Requisiti specifici o titolo di servizio

  •  essere dipendenti di ruolo con qualifica ascrivibile alla ex carriera direttiva o qualifiche equiparate per l’accesso alle quali è previsto il possesso del diploma di laurea specialistica in Giurisprudenza, Scienze politiche o Economia e commercio, presso Amministrazioni centrali dello Stato, Organi di rilievo costituzionale o in Autorità amministrative indipendenti, con anzianità nella qualifica e nel ruolo di almeno un anno continuativo alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda;
  • fare parte del personale di ruolo in servizio presso il CSM con la qualifica di Assistente nell’area II, o aver fatto parte del personale in posizione di servizio temporaneo con funzione assimilabile a quella di assistente, in possesso degli stessi titoli di studio e che abbia maturato un’esperienza lavorativa presso il CSM di almeno un anno negli ultimi quattro.

Per ulteriori informazioni consigliamo di consultare il Bando.

 

PROVE

In base al numero delle domande pervenute per i posti messi a concorso è possibile che si possa fare una prova preselettiva, che consisterà in test a risposta multipla sulle materie oggetto dell’esame. I primi 200 potranno fare le prove successive.

Le prove d’esame saranno 2 : una prova scritta e una prova orale.

Per la prova scritta  verranno proposti dei questionari con domande relative alle attività e alle materie del CSM e la finalità è quella di verificare la preparazione culturale e professionale del candidato. A partire dalla dettatura della traccia 8 sono le ore messe a dispozione dei concorrenti e le materie oggetto d’esame saranno:

  • Diritto costituzionale;
  • Diritto amministrativo;
  • Ordinamento giudiziario;
  • Gestione delle risorse umane;
  • Elementi di diritto dell’Unione Europea e di diritto civile

Con la prova orale la Commissione esaminatrice verificherà le conoscenze della prova scritta attraverso un colloquio. Oltre a questo si verificherà il proprio percorso di studi e professionale, e la conoscenza della lingua straniera.

Verranno inoltre valutati i titoli presentati dopo la prova scritta. Le modalità con cui avverrà la valutazione sono descritte nel Bando.

 

Come faccio la domanda?

Il termine ultimo per poter presentare la domanda di partecipazione al concorso è il 7 Giugno 2018 e per poterlo fare è necessario eseguire tutta tramite una procedura telematica che troverete nel seguente link. Prima di cominciare la registrazione accertatevi di possedere un indirizzo di posta elettronica certificata.

Dopo aver compilato tutti i campi relativi alla registrazione sarà possibile effettuare la candidatura all’interno della sezione dedicata ai “Concorsi” inserendo username e password precedentemente utilizzati

A questo punto bisognerà scansionare in formato pdf  la domanda debitamente stampata e firmata, insieme ai titoli presentati, e inviarla esclusivamente  all’indirizzo pec:

affgen.csm@giustiziacert.it

appartenente al Consiglio Superiore della Magistratura – Piazza dell’Indipendenza n.6 – 00185 Roma

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*