Home » Concorsi Pubblici 2019 » Concorso Arpae Emilia Romagna per 3 laureati

Concorso Arpae Emilia Romagna per 3 laureati

L’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l´energia dell’Emilia-Romagna (Arpae), che integra le funzioni di Arpa e dei Servizi ambiente delle Province, è operativa dal primo gennaio 2016.

concorso arpae emilia romagna

Arpae esercita, in materia ambientale ed energetica, le funzioni di concessione, autorizzazione, analisi, vigilanza e controllo, nelle seguenti materie: risorse idriche; inquinamento atmosferico, elettromagnetico e acustico, e attività a rischio d´incidente rilevante; gestione dei rifiuti e dei siti contaminati; valutazioni e autorizzazioni ambientali; utilizzo del demanio idrico e acque minerali e termali.

L´attività di Arpae si suddivide in processi operativi riguardanti:

  • Vigilanza e controllo
  • Reti di monitoraggio
  • Attività laboratoristica
  • Monitoraggio, valutazione, previsione quali-quantitativa delle matrici ambientali e supporto tecnico agli studi e progetti di piano
  • Reportistica ambientale
  • Certificazioni ambientali.
  • Autorizzazioni e Concessioni
  • Pareri tecnico-preventivi e progetti

Concorso Arpae Emilia Romagna Laureati

Arpae è una pubblica amministrazione e, pertanto, assume personale a tempo indeterminato nel rispetto di quanto previsto dalle norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, ovvero tramite procedure selettive pubbliche.

Attualmente sono aperti i termini per partecipare alla selezione pubblica, per esami, per l’assunzione a tempo indeterminato a copertura di 3 posti, di cui 1 posto riservato al personale dipendente del profilo professionale di collaboratore tecnico – professionale, cat. D del personale del comparto Sanità, rivolta a candidati in possesso di laurea in scienze e tecnologie informatiche o laurea in ingegneria informatica o laurea in scienze statistiche o laurea in scienze matematiche o laurea in scienze e tecnologie fisiche.

Il collaboratore tecnico – professionale svolge attività prevalentemente tecniche che comportano un’autonoma elaborazione di atti preliminari e istruttori dei provvedimenti di competenza dell’unità operativa in cui è inserito; collabora con il personale inserito nella posizione Ds e con i dirigenti nelle attività di studio e programmazione. Le attività lavorative del collaboratore tecnicoprofessionale si svolgono nell’ambito dei settori tecnico, informatico e professionale, secondo le esigenze organizzative e funzionali dell’Agenzia ed i requisiti culturali e professionali posseduti dal personale interessato.

Requisiti per l’ammissione alla selezione:

  • cittadinanza italiana, fatte salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti in materia;
  • idoneità fisica all’impiego, con riferimento alle mansioni attinenti al profilo professionale messo a selezione;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • assenza di condanne penali o processi penali pendenti;
  • non essere stati licenziati per motivi disciplinari o dispensati per inabilità dall’impiego nella Pubblica Amministrazione;
  • avere la maggiore età e non aver raggiunto il limite massimo previsto per il collocamento a riposo d’ufficio;
  • posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva;
  • possesso di una delle seguenti lauree che costituisce requisito specifico di ammissione: scienze e tecnologie informatiche; ingegneria dell’informazione; statistica; scienze e tecnologie fisiche; scienze matematiche; informatica; ingegneria informatica; scienze statistiche; matematica; fisica.

La selezione prevede lo svolgimento di una prova scritta e di una prova orale.

Contenuti delle prove d’esame.

La prova orale sarà costituita da un colloquio individuale sulle materie oggetto della prova scritta (inerenti il profilo professionale) e tendente a valutare complessivamente le competenze del candidato, anche negli aspetti motivazionali e curriculari. Nel corso della prova orale la commissione provvederà all’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.

Le domande dovranno pervenire entro il 18 febbraio 2019.

Per ulteriori informazioni sul bando si rimanda al sito dell’Agenzia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*