Home » Concorsi Pubblici 2019 » Miur, Concorso per Assistenti Lingua Italiana all’estero

Miur, Concorso per Assistenti Lingua Italiana all’estero

Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca è il dicastero del governo italiano preposto all’amministrazione dell’istruzione, dell’università, della ricerca e dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.concorso miur assistenti italiani

L’attuale ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca è Marco Bussetti.

Il ministero è responsabile dell’istruzione nelle scuole di ogni ordine e grado, sia pubbliche che private (per queste ultime limitatamente ai programmi).

Cura la vigilanza sulle istituzioni universitarie, dotate di forte autonomia per dettato costituzionale ex art. 33.

Sovraintende alla ricerca dello Stato attraverso le apposite strutture. Tramite l’amministrazione centrale, programma e orienta le politiche educative che poi vengono attuate e gestite localmente dagli Uffici regionali, dagli Uffici degli ambiti territoriali (UAT) e dalle singole istituzioni scolastiche.

Concorso Miur Assistenti Italiani all’Estero

Ogni anno il Miur gestisce lo scambio di assistenti di lingue tra il nostro paese e alcuni paesi europei con lo scopo di promuovere e favorire la diffusione delle rispettive lingue e culture. Per un anno scolastico i candidati selezionati affiancano i docenti di lingua italiana negli istituti scolastici stranieri e, analogamente, un contingente di assistenti provenienti dai paesi partner svolge lezioni, in compresenza con il docente di lingua e cultura straniera nelle scuole italiane selezionate d’intesa con gli Uffici scolastici regionali competenti.

L’attività di assistente di lingua

Per un anno scolastico i candidati selezionati affiancano i docenti di lingua italiana negli istituti scolastici stranieri per un numero di ore settimanali che varia a seconda del paese ospitante.

Paesi di destinazione

Il Miur gestisce lo scambio di assistenti di lingue con i seguenti paesi europei: Austria, Belgio, Francia, Irlanda, Regno Unito, Germania e Spagna.

Chi può candidarsi

La procedura è riservata a neolaureati di nazionalità italiana.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione – Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione ha comunicato che per l’anno scolastico 2019-2020, sulla base di specifici Accordi Culturali e relativi Protocolli Esecutivi, sono disponibili posti di assistente di lingua italiana nelle istituzioni scolastiche nei Paesi dell’U.E.

Il numero esatto dei posti per il prossimo anno scolastico sarà reso noto dalle autorità competenti dei Paesi partner nel corso dell’ anno 2019. Si riportano, a titolo indicativo, le disponibilità assicurate per il precedente anno scolastico 2018/2019: • Austria: 34 • Belgio (lingua francese): 3 • Francia: 154 • Germania: 27 • Irlanda: 9 • Regno Unito: 9 • Spagna: 22

Agli assistenti è richiesto di affiancare i docenti di lingua italiana in servizio nelle istituzioni scolastiche del Paese di destinazione per fornire un originale contributo alla promozione ed alla conoscenza della lingua e della cultura italiana. L’attività dell’assistente di lingua copre un periodo di circa otto mesi in uno o più istituti di vario ordine e grado e comporta, di regola, un impegno della durata di 12 ore settimanali, a fronte del quale viene corrisposto un compenso variabile a seconda del Paese di destinazione.

Requisiti per partecipare

Tra i requisiti fondamentali per partecipare alla procedura:

  • cittadinanza italiana;
  • non aver compiuto il 30° anno di età;
  • non essere già stato assistente di lingua italiana all’estero su incarico del Miur;
  • essere libero da impegni relativi agli obblighi militari e da rapporti di impiego o di lavoro con amministrazioni pubbliche nel periodo dell’incarico indicato nel bando;
  • non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti;
  • essere in possesso dell’idoneità fisica all’impiego;
  • aver conseguito un diploma di laurea specialistica/magistrale tra quelli indicati nel bando e nell’arco di tempo indicato nel bando;
  • aver sostenuto nel corso di laurea almeno due esami relativi alla Lingua o Letteratura o Linguistica del paese per il quale si presenta la domanda nei settori tecnico-scientifici indicati nel bando;
  • aver sostenuto nel corso di laurea almeno due esami relativi alla Lingua o Letteratura o Linguistica italiana nei settori tecnico-scientifici indicati nel bando.

    Borse di studio

    Agli assistenti di lingua italiana è riconosciuta una borsa di studio (di importo variabile) da parte del paese ospitante.

    La domanda

    La domanda di partecipazione deve essere compilata esclusivamente online,

La domanda deve essere presentata entro il termine del 18 febbraio 2019 esclusivamente tramite l’applicazione disponibile alla voce “Vai all’Applicazione” presente nella pagina dedicata all’iniziativa sul sito del Miur. 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*