Lavoro in Banca per Neodiplomati e Neolaureati

La considerazione sociale di cui le banche godono in questo momento storico non è proprio il massimo, eppure, per quanto forse in parte possano essere coinvolte nell’attuale crisi economica e sociale, il loro intervento nel passato ha radicalmente cambiato la storia di tante regioni, anche nel nostro Paese.

Stiamo parlando ad esempio del credito cooperativo, che è giunto da noi poco dopo l’Unità d’Italia e ha avuto un’importanza determinante nella costruzione della nostra nazione per come noi la conosciamo oggi. Il Credito Cooperativo ti ispira? La Banca Santo Stefano Credito Cooperativo è alla ricerca di neodiplomati e neolaureati da inserire all’interno dell’azienda.

Il Credito Cooperativo muove i primi passi in Italia nel 1883, trovandosi davanti ad un paese ufficialmente appena unificato, ma da un punto di vista pratico ancora alle prese con questioni spinose di sviluppo economico e di lacerazioni interne. Il Credito Cooperativo comincia a prendere piede nel Padovano, a Loreggia, dove vede la luce la prima banca di questo tipo, ispirata alle raiffeisen tedesche.

Le banche di Credito Cooperativo si basavano su cinque principi cardine: mutualità, autogestione, responsabilità, autonomia e solidarietà. Le BCC moderne come la Banca Santo Stefano non hanno tradito questi principi anche dopo oltre 100 anni. La Cassa Rurale e Artigiana Santo Stefano nasce a Martellago nel 10 Febbraio 1963 e in 50 anni di attività si è dedicata pienamente al territorio promuovendone la crescita sociale e culturale. L’impegno sociale di Banca Santo Stefano è stato sapientemente riassunto in quattro punti cardine: il socio è la nostra ragion d’essere; il nostro scopo è soddisfare le sue esigenze finanziarie; il cliente è la nostra ragione di fare e di farlo sempre meglio; il raggiungimento della loro soddisfazione è il nostro successo.

Banca Santo Stefano è alla ricerca di giovani motivati e propositivi da inserire all’interno dell’organizzazione, che siano intenzionati a sviluppare al meglio le proprie attitudini e a crescere professionalmente all’interno della realtà della BCC. La Banca inoltre offre l’opportunità di svolgere stage formativi all’interno delle diverse aree aziendali, per colmare il famoso gap italiano tra formazione e mondo del lavoro.

I requisiti fondamentali per entrare in Banca Santo Stefano sono:

  • età inferiore ai 28 anni
  • laurea in materie economico-finanziarie oppure diploma di istituto ad indirizzo tecnico -commerciale oppure diploma di liceo conseguito con votazione medio-alta
Lorenzo Orlando
Lorenzo Orlando
PM, Content Editor, eterno studente. Leggo, guardo film, ascolto musica e faccio sport. Certe notti faccio pure finta di lavorare.

Seguici sui social

Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

La considerazione sociale di cui le banche godono in questo momento storico non è proprio il massimo, eppure, per quanto forse in parte possano essere coinvolte nell'attuale crisi economica e sociale, il loro intervento nel passato ha radicalmente cambiato la storia di tante regioni, anche nel nostro Paese. Stiamo parlando ad esempio del credito cooperativo, che è giunto da noi poco dopo l'Unità d'Italia e ha avuto un'importanza determinante nella costruzione della nostra nazione per come noi la conosciamo oggi. Il Credito Cooperativo ti ispira? La Banca Santo Stefano Credito Cooperativo è alla ricerca di neodiplomati e neolaureati da inserire all'interno dell'azienda. Il Credito Cooperativo muove i primi passi in Italia nel 1883, trovandosi davanti ad un paese ufficialmente appena unificato, ma da un punto di vista pratico ancora alle prese con questioni spinose di sviluppo economico e di lacerazioni interne. Il Credito Cooperativo comincia a prendere piede nel Padovano, a Loreggia, dove vede la luce la prima banca di questo tipo, ispirata alle raiffeisen tedesche. Le banche di Credito Cooperativo si basavano su cinque principi cardine: mutualità, autogestione, responsabilità, autonomia e solidarietà. Le BCC moderne come la Banca Santo Stefano non hanno tradito questi principi anche dopo oltre 100 anni. La Cassa Rurale e Artigiana Santo Stefano nasce a Martellago nel 10 Febbraio 1963 e in 50 anni di attività si è dedicata pienamente al territorio promuovendone la crescita sociale e culturale. L'impegno sociale di Banca Santo Stefano è stato sapientemente riassunto in quattro punti cardine: il socio è la nostra ragion d'essere; il nostro scopo è soddisfare le sue esigenze finanziarie; il cliente è la nostra ragione di fare e di farlo sempre meglio; il raggiungimento della loro soddisfazione è il nostro successo. Banca Santo Stefano è alla ricerca di giovani motivati e propositivi da inserire all'interno dell'organizzazione, che siano intenzionati a sviluppare al meglio le proprie attitudini e a crescere professionalmente all'interno della realtà della BCC. La Banca inoltre offre l'opportunità di svolgere stage formativi all'interno delle diverse aree aziendali, per colmare il famoso gap italiano tra formazione e mondo del lavoro. I requisiti fondamentali per entrare in Banca Santo Stefano sono:
  • età inferiore ai 28 anni
  • laurea in materie economico-finanziarie oppure diploma di istituto ad indirizzo tecnico -commerciale oppure diploma di liceo conseguito con votazione medio-alta