Provincia di Rieti: 50 tirocini formativi presso gli studi professionali

Buone notizie per i residenti nella provincia di Rieti: se siete dei giovani disoccupati e avete conseguito il diploma o la laurea da meno di un anno, la provincia ha messo a disposizione 190.000 euro per l’attivazione di 50 tirocini formativi. L’offerta riguarda gli studi professionali di architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti e geometri: se vi interessa lavorare in questi settori, non lasciatevela sfuggire!

Rieti, capoluogo dell’omonima provincia, è un comune italiano di quasi 50.000 abitanti. Viene considerato il centro geografico del paese e chiamato Umbilicus Italiae, in virtù della sua posizione. La fama storica di Rieti vieni dai Sabini, la popolazione preistorica che vi abitava e che si scontrò con i romani nel 290 a.C, dopo il Ratto delle Sabine. Per gran parte della sua storia è stata parte dello Stato Pontificio, fino all’annessione al Regno d’Italia avvenuta nel 1860, dopo l’ingresso dell’esercito italiano. La provincia di Rieti comprende 73 comuni ed è particolarmente ricca d’acqua: le sue sorgenti riforniscono anche il comune di Roma. In seguito alla riforma del 31 ottobre, la provincia di Rieti è destinata all’accorpamento con quella di Viterbo.

 

I tirocini formativi promossi dalla provincia di Rieti sono indirizzati a neodiplomati e neolaureati per un graduale inserimento nel mondo del lavoro. Il progetto prevede l’attivazione di 50 tirocini presso studi professionali di diversi settori, così suddivisi:

  • n.6 laureati in architettura;
  • n.14 laureati in ingegneria;
  • n.4 laureati in giurisprudenza;
  • n.14 laureati in economia;
  • n.4 diplomati in ragioneria;
  • n.8 diplomati geometri.

La provincia di Rieti ha messo a disposizione 190.000 euro per questi tirocini, da svolgersi presso gli studi professionali corrispondenti. I soggetti interessati a iscriversi alla selezione devono possedere i seguenti requisiti:

  • Cittadinanza italiana o regolare permesso di soggiorno;
  • Residenza della provincia di Rieti;
  • Iscrizione in uno dei centri per l’impiego provinciali come disoccupati o inoccupati;
  • Età superiore ai 18 anni;
  • Aver conseguito il diploma o la laurea da non più di 12 mesi dalla pubblicazione del bando;
  • Essere in possesso del titolo di studio richiesto per il profilo per cui si concorre.

 

Sono esclusi dal bando i soggetti che risultano già occupati, anche con contratti part-time o a progetto, e coloro che hanno già utilizzato delle offerte di praticantato o di tirocinio orientativo. Questi tirocini non sono da considerare parte del corso di laurea, nè sostitutivi del praticantato professionale. I tirocini hanno una durata di sei mesi e prevedono un’attività mensile di almeno 80 ore. Al tirocinante viene riconosciuto un rimborso mensile di 600 euro a seguito dell’effettiva frequenza del corso.

Oltre al testo integrale del bando troverete gli allegati da compilare con i vostri dati e da spedire entro il 21 novembre 2012 presso la sede provinciale, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno.

Lorenzo Orlando
Lorenzo Orlando
PM, Content Editor, eterno studente. Leggo, guardo film, ascolto musica e faccio sport. Certe notti faccio pure finta di lavorare.

Seguici sui social

Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Buone notizie per i residenti nella provincia di Rieti: se siete dei giovani disoccupati e avete conseguito il diploma o la laurea da meno di un anno, la provincia ha messo a disposizione 190.000 euro per l'attivazione di 50 tirocini formativi. L'offerta riguarda gli studi professionali di architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti e geometri: se vi interessa lavorare in questi settori, non lasciatevela sfuggire! Rieti, capoluogo dell'omonima provincia, è un comune italiano di quasi 50.000 abitanti. Viene considerato il centro geografico del paese e chiamato Umbilicus Italiae, in virtù della sua posizione. La fama storica di Rieti vieni dai Sabini, la popolazione preistorica che vi abitava e che si scontrò con i romani nel 290 a.C, dopo il Ratto delle Sabine. Per gran parte della sua storia è stata parte dello Stato Pontificio, fino all'annessione al Regno d'Italia avvenuta nel 1860, dopo l'ingresso dell'esercito italiano. La provincia di Rieti comprende 73 comuni ed è particolarmente ricca d'acqua: le sue sorgenti riforniscono anche il comune di Roma. In seguito alla riforma del 31 ottobre, la provincia di Rieti è destinata all'accorpamento con quella di Viterbo.   I tirocini formativi promossi dalla provincia di Rieti sono indirizzati a neodiplomati e neolaureati per un graduale inserimento nel mondo del lavoro. Il progetto prevede l'attivazione di 50 tirocini presso studi professionali di diversi settori, così suddivisi:
  • n.6 laureati in architettura;
  • n.14 laureati in ingegneria;
  • n.4 laureati in giurisprudenza;
  • n.14 laureati in economia;
  • n.4 diplomati in ragioneria;
  • n.8 diplomati geometri.
La provincia di Rieti ha messo a disposizione 190.000 euro per questi tirocini, da svolgersi presso gli studi professionali corrispondenti. I soggetti interessati a iscriversi alla selezione devono possedere i seguenti requisiti:
  • Cittadinanza italiana o regolare permesso di soggiorno;
  • Residenza della provincia di Rieti;
  • Iscrizione in uno dei centri per l'impiego provinciali come disoccupati o inoccupati;
  • Età superiore ai 18 anni;
  • Aver conseguito il diploma o la laurea da non più di 12 mesi dalla pubblicazione del bando;
  • Essere in possesso del titolo di studio richiesto per il profilo per cui si concorre.
  Sono esclusi dal bando i soggetti che risultano già occupati, anche con contratti part-time o a progetto, e coloro che hanno già utilizzato delle offerte di praticantato o di tirocinio orientativo. Questi tirocini non sono da considerare parte del corso di laurea, nè sostitutivi del praticantato professionale. I tirocini hanno una durata di sei mesi e prevedono un'attività mensile di almeno 80 ore. Al tirocinante viene riconosciuto un rimborso mensile di 600 euro a seguito dell'effettiva frequenza del corso. Oltre al testo integrale del bando troverete gli allegati da compilare con i vostri dati e da spedire entro il 21 novembre 2012 presso la sede provinciale, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno.