Bonus da 550 euro per i lavoratori part-time: come funziona e come fare domanda

Per richiederlo si ha tempo sino al 30 novembre 2022

Scade il 30 novembre 2022 il temine ultimo per fare richiesta dell’indennità una tantum da 550 euro, introdotta dal decreto legge aiuti, a cui possono fare istanza esclusivamente i lavoratori dipendenti di imprese private, che nel 2021 erano titolari di un contratto a tempo parziale ciclico verticale. Di seguito requisiti e modalità per richiedere il bonus.

Compatibilità del bonus e requisiti per richiederlo

Il bonus da 550 euro può essere riconosciuto una sola volta al singolo lavoratore, è esente da tasse ed è cumulabile con l’assegno di invalidità. I richiedenti devono avere i seguenti requisiti fondamentali:

  • essere titolari di un contratto di lavoro a tempo parziale ciclico verticale nell’anno 2021, che comprenda un impiego complessivo tra le 7 e le 20 settimane al massimo e periodi lavorativi di almeno un mese non in maniera continuativa;
  • non avere un altro rapporto di lavoro dipendente alla data della domanda;
  • non avere un trattamento pensionistico.

Nella circolare 115/2022, contenuta nella sezione degli “atti ufficiali” del sito dell’INPS, dello scorso 13 ottobre è possibile consultare tutti i requisiti per richiedere il bonus.

Come fare domanda

La domanda per fare richiesta dell’indennità di 550 euro deve essere inviata esclusivamente in via telematica, accedendo al sito dell’INPS nella sezione Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche con le proprie credenziali tramite SPID, Carta d’identità (CIE) o Carta nazionale dei servizi (CNS), e infine selezionando la prestazione “Indennità una tantum per i lavoratori a tempo parziale ciclico verticale”.

In alternativa è possibile richiedere il bonus grazie al servizio di Contact Center Multicanale dell’INPS, telefonando al numero verde 803164 da rete fissa (gratuito) oppure al numero 06164164 da rete mobile (a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori); o ancora attraverso gli istituti di patronato.

Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui