Bando per l’accesso al microcredito in Abruzzo

Bando per l'accesso al microcredito in AbruzzoIl microcredito non è soltanto uno strumento economico utilizzato nei paesi in via di sviluppo, ma è una forma di finanziamento utile anche per supportare la microimprenditoriale locale e i lavoratori autonomi, specialmente nei casi dei soggetti che si trovano in difficoltà ad accedere alle tradizionali forme di credito. Il bando di cui vi parliamo oggi, promosso da Abruzzo Sviluppo, ha proprio queste finalità.

Abruzzo Sviluppo è una società a totale partecipazione pubblica, il cui unico socio è la Regione Abruzzo. È stata fondata nel 1994 come agenzia di sviluppo territoriale a supporto delle attività della Regione. Abruzzo Sviluppo realizza e promuove iniziative per lo sviluppo locale, sui temi dell’innovazione tecnologica e dell’internazionalizzazione, il marketing territoriale e le misure di finanza agevolata. Inoltre promuove attivamente la cultura d’impresa e le relazioni tra imprese abruzzesi e istituzioni, anche in ambito europeo. L’attuale presidente di Abruzzo Sviluppo è Mario Pastore, mentre il direttore generale è Riccardo Bertazzo.

Il bando pubblicato da Abruzzo Sviluppo, nell’ambito del piano per la competitività regionale e l’occupazione, ha come obiettivo quello di gestire l’erogazione del fondo per il microcredito 2007-2013.

 

 

I finanziamenti messi a bando da Abruzzo Sviluppo hanno un importo compreso tra 5000 e 25000 euro e intendono sostenere la microimprenditorialità locale e il lavoro autonomo finanziando l’avvio di nuove attività economiche, nuovi investimenti o il consolidamento delle attività imprenditoriali già avviate, da parte di tutti quei soggetti che si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito.

La richiesta di accesso ai finanziamenti del microcredito, supportate da adeguato progetto d’impresa, è riservata a:

  • Microimprese che assumono la forma giuridica di ditta individuale, società di persone, società cooperative;
  • Lavoratori autonomi o liberi professionisti.

 

Le microimprese che intendono avvalersi dei contributi di Abruzzo Sviluppo si impegnano a:

  • Costituire una microimpresa con sede operativa nella Regione Abruzzo;
  • Iscriversi presso il registro imprese della CCIAA
  • Attivare partita IVA;
  • Dichiarare di non aver riportato condanne con sentenza definitiva;
  • Dichiarare di non fruire contestualmente di altre agevolazioni pubbliche della stessa natura o per le stesse finalità;
  • Essere in regola con tutti gli adempimenti amministrativi, fiscali e previdenziali di legge;
  • Non devono essere in liquidazione volontaria o sottoposti a procedure esecutive e concorsuali.

 

Per quanto riguarda i lavoratori autonomi o liberi professionisti, invece, si richiedono i seguenti requisiti aggiuntivi:

  • Cittadinanza italiana o di un paese membro dell’Unione Europea, o altra cittadinanza purché in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • Avere la residenza anagrafica in un comune della Regione Abruzzo da almeno 12 mesi;
  • Aver compiuto i 18 anni di età;
  • Non essere sottoposti a procedure esecutive e concorsuali;
  • Non aver avuto protesti per assegni bancari, postali, cambiali o vaglia negli ultimi 3 anni, fatto salvo pagamento e riabilitazione.

 

Presentate la domanda di ammissibilità, il progetto imprenditoriale e tutta la documentazione necessaria entro il 20 Dicembre 2013, tramite raccomandata postale o posta elettronica certificata.

Annunci Correlati

Menu