Bando per Consorzio autostrade siciliane: 105 posti

Sono 105 i posti messi a disposizione dal bando per Consorzio autostrade siciliane che, tra i tanti obiettivi, ha il completamento dei lavori di costruzione non ancora realizzati delle autostrade Messina-Palermo, Messina-Catania-Siracusa. Un ente che, specialmente negli ultimi anni, è nell’occhio del ciclone proprio per la condizione di certo non ottimale dei tratti autostradali. Di seguito ecco tutto quello che c’è da sapere su questo concorso che chiamerà a raccolta numerosi partecipanti. In questa sezione, poi, maggiori info su annunci e concorsi in Sicilia.

Info sulla tipologia di contratto

Per coloro che saranno selezionati, c’è un contratto a tempo indeterminato ma con un part time del 25%. Significa che l’impiego presso il Consorzio autostrade siciliane si concretizza in un impiego durevole soli sei mesi all’anno, dall’1 aprile al 30 settembre per un numero di ore mensili pari alla metà di quello degli assunti con contratto full time. L’impiego però sarà garantito per tutti gli anni, sempre nel periodo indicato.

Per trovare maggiori informazioni su questo e altri aspetti, vi consigliamo di consultare il bando ufficiale dove troverete tutti i dettagli.

Come candidarsi

Se volete prendere parte al bando per il Consorzio autostrade siciliane che mette a disposizione 105 posti dovrete fare domanda esclusivamente via mail all’indirizzo PEC autostradesiciliane@posta-cas.it. C’è tempo fino al prossimo 24 aprile.

 

 

Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.

Annunci di lavoro

Banner newsletter_ (900 × 600 px)
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui