Candidati con DSA: in arrivo concorsi pubblici semplificati

In arrivo nuove semplificazioni per i concorsi pubblici in caso di candidati con DSA. Siglato un decreto ad hoc che fissa nuove misure. Ecco tutti i dettagli e le principali novità.

Concorsi pubblici semplificati per candidati con DSA: il decreto

In arrivo un decreto che fissa semplificazioni e nuove misure dispensative a favore dei candidati con DSA durante le selezioni pubbliche. Voluto dal Ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, dal Ministro per le Disabilità Erika Stefani e dal Ministro del Lavoro Andrea Orlando, il decreto individua specifiche modalità attuative da applicare durante le selezioni indette da tutti gli Enti statali e locali.

In particolare, i soggetti con DSA certificato potranno sostenere un colloquio orale al posto della prova scritta, oppure potranno utilizzare strumenti compensativi per le difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo. È prevista anche la possibilità di usufruire di un prolungamento dei tempi stabiliti per lo svolgimento delle prove di concorso. Per quanto concerne le prove sostitutive, il colloquio orale dovrà avere contenuto disciplinare analogo alle prove scritte, mentre tra gli strumenti compensativi sono previsti:

  • programmi di video scrittura con correttore ortografico o il dettatore vocale, nei casi di disgrafia e disortografia;
  • programmi di lettura vocale, nei casi di dislessia;
  • uso della calcolatrice, nei casi di discalculia;
  • ogni altro ausilio tecnologico giudicato idoneo dalla commissione giudicatrice.

“Con questo decreto”, ha affermato Brunetta, “il Governo dà un ulteriore e decisivo segnale di attenzione alle persone con DSA per garantire un’equa partecipazione all’opera di rinnovamento del capitale umano pubblico che abbiamo avviato.” Ulteriori informazioni e novità sul mondo del lavoro e dei concorsi pubblici sono disponibili a questa pagina.

Annunci Correlati

Menu