Concorsi 2023 Comune di Napoli: in arrivo 1000 posti, ecco i profili ricercati

Ottime occasioni all'orizzonte, quindi, con nuove assunzioni

Concorsi 2023 Comune di Napoli: in arrivo 1000 posti, stando a quanto dichiarato dal direttore generale Pasquale Granata, nel corso del confronto in commissione polizia municipale e personale, presieduta da Pasquale Esposito. Ottime occasione quindi all’orizzonte per tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro a Napoli. Le figure ricercate saranno disparate, per un’offerta quanto mai ampia e variegata. Ecco tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

Figure ricercate

Attraverso i vari concorsi che saranno banditi, il Comune di Napoli cercherà diverse figure: la riorganizzazione partirà dall’alto, non a caso è prevista la ricerca di 55 nuovi dirigenti; poi si passerà alla distribuzione del personale di categoria C e D. Si selezioneranno assiste sociali e personale qualificato per funzioni amministrative. Insomma i profili ricercati saranno tanti per un totale di 1000 nuove assunzioni. Ma non è finita qui: sulla scuola, come affermato dallo stesso Pasquale Granata, “saranno previste 50 nuove maestre e 80 stabilizzazioni per gli istruttori socio-educativi, mentre per gli insegnanti di sostegno, 25 saranno assunti da graduatoria e si procederà a un nuovo concorso per 100 nuovi posti“.

Concorsi 2023 Comune di Napoli, cos’altro c’è da sapere? Per quanto riguarda i neo assunti con profilo tecnico, si parte da un dato di fatto: sono risultati idonei solo 13 di categoria D sugli 86 previsti. L’obiettivo dunque è quello di modificare il regolamento affinché sia possibile affidare incarichi di responsabilità ai 100 neoassunti tecnici categoria C in possesso dei requisiti necessari

LEGGI ANCHE  Concorso Comune di Trecate per rilevatori ISTAT diplomati
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.