Concorso per 63 ricercatori dall’Università di Milano

Il problema della precarietà colpisce tutti i settori, anche quello universitario. I concorsi per entrare a far parte del personale docente sono sempre più rari, e i ricercatori faticano a trovare dei contratti a tempo indeterminato.

L’opportunità di cui vi parliamo oggi si riferisce all’Università degli Studi di Milano per 63 ricercatori: anche se si tratta di assunzioni a tempo determinato, è una concreta possibilità di crescita professionale e accademica.

L’Università degli Studi di Milano è la maggiore istituzione universitaria della città e della regione Lombardia, conosciuta anche come la Statale di Milano. Le sue origini risalgono all’Accademia scientifico-letteraria del 1859 e dalla Scuola superiore di Agraria del 1870; l’istituzione della Statale di Milano è relativamente giovane, perchè inizialmente il territorio faceva riferimento all’Università di Pavia. La Statale di Milano ha cominciato le sue attività nel 1924 e il primo rettore è stato Luigi Manganelli. Attualmente la sua sede si trova nella Cà Granda e il suo rettore è Gianluca Vago.

L’ultimo bando pubblicato dall’Università degli Studi di Milano riguarda l’assunzione di 63 ricercatori a tempo determinato, suddivisi nei vari dipartimenti accademici di pertinenza. L’assunzione avrà una durata di tre anni e i candidati ammessi alla selezione dovranno possedere i seguenti requisiti:

  • Cittadinanza europea o regolare permesso di soggiorno;
  • Dottore di ricerca o titolo equivalente;
  • Diploma di specializzazione medica (per i posti da ricercatore nell’area medica);
  • Laurea magistrale o equivalente, unitamente a un curriculum scientifico professionale idoneo allo svolgimento di attività di ricerca;
  • Non essere stati già assunti a tempo indeterminato come professori di I o II fascia o ricercatori universitari;
  • Non avere grado di parentela o affinità fino al quarto grado compreso, con un professore appartenente al Dipartimento o Struttura che richiede il posto, con il Rettore, il Direttore Generale o un componente del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo;
  • Non essere stato destituito dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persisente insufficiente rendimento;
  • Possesso del titolo di studio richiesto dall’area di ricerca per cui si concorre.

I candidati dovranno presentare le pubblicazioni, gli articoli e tutta la documentazione che ritengono opportuna per la corretta valutazione da parte della commissione giudicatrice dell’Università degli Studi di Milano, unitamente al curriculum professionale. I ricercatori assunti dovranno svolgere attività di ricerca scientifica nell’ambito che ne identifica il profilo, svolgere attività didattica, compiti di tutorato e di orientamento nei confronti degli studenti. L’impegno complessivo è stimato in 1.500 ore per il regime di tempo pieno, comprensive di 350 ore dedicate al servizio agli studenti e alla didattica integrativa.

Se volete partecipare al concorso, visitate il sito della statale.  Scaricate il testo integrale del bando e inviate tutta la documentazione richiesta entro l’11 Settembre 2013, unitamente alla ricevuta dell’avvenuto pagamento di 25,82 € della tassa concorsuale. La domanda di ammissione dovrà pervenire al Rettore dell’Ateneo tramite consegna diretta, posta elettronica certificata o raccomandata postale con ricevuta di ritorno.

Annunci Correlati

Menu