Concorso Esercito Italiano per 65 Ufficiali

L’Esercito Italiano è la componente terrestre delle forze armate italiane, insieme a Marina Militare, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri, tutte dipendenti dal Capo di stato maggiore della difesa ed inserite nel Ministero della difesa.

L’organica dell’Esercito è la struttura secondo la quale viene organizzato l’esercito della Repubblica Italiana: è suddiviso in 6 Armi, 3 corpi e una specialità di Forza Armata (l’Aviazione).

Armi

  • Arma di fanteria
  • Arma di cavalleria
  • Arma di artiglieria
  • Arma del genio
  • Arma delle trasmissioni
  • Arma dei trasporti e materiali

Corpi

  • Corpo sanitario dell’Esercito Italiano
  • Corpo di commissariato dell’Esercito italiano
  • Corpo degli ingegneri dell’Esercito

Questa descrizione serve per presentare un nuovo bando di concorso destinato proprio ad alcuni di questi ruoli speciali.

Il Ministero della Difesa ha indetto un concorso pubblico per titoli ed esami per il reclutamento di 65 Ufficiali in servizio permanente nei ruoli speciali delle Armi di fanteria, cavalleria, artiglieria, genio, trasmissioni, dell’Arma dei trasporti e materiali, del Corpo sanitario e del Corpo di Commissariato dell’Esercito.

Nello specifico si tratta di:

  • quarantacinque ufficiali  in servizio permanente  nel  ruolo  speciale  delle  Armi  di  fanteria, cavalleria,  artiglieria,  genio,  trasmissioni  dell’Esercito;
  • concorso per il reclutamento di dieci ufficiali in  servizio permanente nel ruolo speciale dell’Arma  dei  trasporti  e  materiali dell’Esercito;
  • concorso per il reclutamento di sei  ufficiali  in  servizio permanente nel ruolo speciale del Corpo sanitario dell’Esercito; concorso  per  il  reclutamento  di  quattro  ufficiali  in servizio permanente nel ruolo speciale  del  Corpo  di  commissariato dell’Esercito,

Ai concorsi possono partecipare:

– gli  ufficiali  inferiori  di  complemento  dell’Esercito  appartenenti  a  una  delle  Armi   o   Corpi   che   consentono   la partecipazione  ai  rispettivi  concorsi  indicati   – in  congedo  dopo aver completato senza demerito la ferma biennale. Tali ufficiali devono: non aver riportato un giudizio di inidoneità all’avanzamento al grado superiore; aver svolto almeno 18 mesi  di  servizio  in  ferma  biennale senza demerito; non aver superato i 45 anni;

– gli ufficiali in  ferma  prefissata  che non hanno superato il 45° anno  di  età  e  hanno completato almeno un anno di servizio in tale posizione, compreso  il periodo di formazione;

– gli  ufficiali  inferiori  di  complemento  dell’Esercito facenti  parte  delle  Forze  di  completamento,  per  essere   stati richiamati per esigenze  correlate  con  le  missioni  internazionali ovvero impegnati in attività addestrative,  operative  e  logistiche sia sul territorio nazionale sia all’estero. Tali ufficiali non devono aver superato il 45° anno di età;

– i  sottufficiali  appartenenti  al  ruolo  dei  marescialli dell’Esercito aventi una delle specializzazioni o appartenenti ad una delle  categorie  che  consentono  la  partecipazione  ai  rispettivi concorsi. Detto personale deve avere maturato almeno anni e mesi di anzianità  (vedi bando);  deve aver svolto almeno  1  anno  di  comando  di  plotone  o reparto  corrispondente; non deve aver superato il giorno di compimento del 45°anno di età; non  deve  aver  riportato   un   giudizio   di   inidoneità all’avanzamento al grado superiore nell’ultimo anno di servizio;

– i  sottufficiali  appartenenti  al  ruolo  dei  sergenti che non hanno superato  il giorno di compimento del 45° anno di età, hanno almeno  cinque  anni di permanenza in detto ruolo e che non abbiano  riportato  un  giudizio  di  non  idoneità all’avanzamento al grado superiore nell’ultimo anno di servizio;

– i volontari in servizio permanente dell’Esercito che  abbiano svolto almeno cinque anni  di  permanenza  in detto ruolo, non abbiano riportato un giudizio di  non  idoneità  all’avanzamento  al grado superiore nell’ultimo anno di servizio e non  abbiano  superato il giorno di compimento del 45° anno di età;

– per il Corpo/Arma di appartenenza, i frequentatori dei corsi normali dell’Accademia  militare  dell’Esercito  che  non  abbiano completato il secondo o il terzo anno del previsto  ciclo  formativo, purché idonei in attitudine militare, nonché  i  frequentatori  dei corsi normali delle accademie militari iscritti ai corsi universitari quinquennali a ciclo unico che hanno superato  gli  esami  del  terzo anno, siano idonei in attitudine militare e non abbiano  superato  i 35 anni di età;

– gli idonei non  vincitori  di  precedenti  concorsi  per  la nomina  a  tenente  in  servizio   permanente   dei   ruoli   normali corrispondenti a quelli speciali che,  se  in  servizio,  non  hanno riportato  un  giudizio  di  inidoneità  all’avanzamento  al   grado superiore  nell’ultimo.

– Il  personale  giudicato  idoneo  non vincitore in  precedenti  concorsi  per  la  nomina  a  ufficiale  in servizio permanente del  ruolo  normale  del  Corpo  degli  ingegneri dell’Esercito. Tale personale non deve aver superato i 35 anni di età.

Requisiti generali:

  • essere in possesso della cittadinanza italiana;
  • non aver superato i limiti di età  indicati nel bando;
  • essere in possesso di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale  che  consenta  l’iscrizione  ai corsi  universitari,  ovvero  di  un  titolo  di  studio  di   durata quadriennale, integrato dal corso annuale previsto  per  l’ammissione ai corsi universitari;
  • godere dei diritti civili e politici;
  • non  essere  stati  destituiti,  dispensati  o   dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni;
  • non essere stati condannati per delitti non  colposi;
  • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • avere tenuto condotta incensurabile;
  • non  aver  tenuto  comportamenti   nei   confronti   delle istituzioni  democratiche  che  non  diano  sicuro   affidamento   di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni  di sicurezza dello Stato;
  • non  aver  riportato  sanzioni  disciplinari  di  stato  nel quinquennio antecedente alla data di  scadenza  del  termine  per  la presentazione della domanda di partecipazione al concorso.

Le procedure di concorso  saranno gestite tramite il portale dei  concorsi on-line  del  Ministero  della  difesa .

Lo svolgimento dei concorsi prevede:

  • prova di preselezione per titoli, di  possibile  svolgimento solo nel caso vengano superate le mille domande;prova scritta di cultura generale;
  • prova scritta di cultura tecnico-professionale;
  • valutazione dei titoli;
  • prove di efficienza fisica;
  • accertamenti sanitari;
  • accertamento attitudinale;
  • prova orale;
  • prova orale facoltativa di lingua straniera.

Il concorso scade il 17 gennaio 2019.

Per  conoscere i dettagli del bando si rimanda al sito del Ministero della Difesa.

Annunci Correlati

Menu