Concorso Ministero degli affari esteri, 16 posti per esperti nel campo del turismo e dei beni culturali

I candidati possono presentare domanda di partecipazione fino al 22 agosto 2022.

Concorso pubblico per la ricerca di 16 esperti nella gestione di progetti nel campo dei beni culturali, del turismo e dei viaggi delle radici da finanziare nell’ambito del PNRR.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ricerca 16 esperti di elevata qualificazione e comprovata esperienza nella gestione di progetti nel settore dei beni culturali, del turismo e dei viaggi delle radici a cui conferire un incarico di collaborazione con le modalità di cui all’articolo 1, comma 5, lettera a) del decreto-legge 9 giugno 2021, n. 80, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2021, n. 113. 

Il progetto Il turismo delle radici è una strategia integrata per la ripresa del settore del turismo nell’Italia post covid-19. Per “turismo delle radici” si intende quel particolare segmento del turismo che si propone di offrire un sistema articolato di servizi turistici rivolto agli italiani di nuova generazione e agli oriundi italiani residenti all’estero, che coniuga alla proposta di beni e servizi del terzo settore (alloggi, enogastronomia, visite guidate) la conoscenza della storia familiare e della cultura d’origine degli italo-discendenti.

Requisiti per accedere al bando

Il concorso pubblico è mirato alla selezione di figure di alto profilo professionale, esperti nella gestione di progetti nel campo dei beni culturali, del turismo e dei viaggi delle radici. I requisiti specifici richiesti sono:

  • conoscenza e padronanza della lingua italiana;
  • insussistenza di cause limitative della propria capacità di sottoscrivere contratti con la pubblica amministrazione e/o cause di incompatibilità al conferimento di incarichi libero-professionali;  
  • insussistenza di situazioni, anche potenziali, di conflitto di interessi rispetto all’incarico da svolgere;
  • Laurea magistrale o equiparate (o titoli stranieri equivalenti o equipollenti):  
  • cicli unici 5 anni
    • LMG/01 Giurisprudenza 
    • LMR/02 Conservazione e Restauro dei Beni Culturali 
  • cicli biennali magistrali
    • LM-1 Antropologia Culturale ed Etnologia 
    • LM-3 Architettura del Paesaggio 
    • LM-4 Architettura e Ingegneria Edile-Architettura 
    • LM-5 Archivistica e Biblioteconomia 
    • LM-10 Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali 
    • LM-11 Conservazione e Restauro dei Beni Culturali 
    • LM-16 Finanza 
    • LM-31 Ingegneria Gestionale 
    • LM-35 Ingegneria per L’ambiente e il Territorio 
    • LM-37 Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane 
    • LM-38 Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale 
    • LM-48 Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale 
    • LM-49 Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici 
    • LM-52 Relazioni Internazionali 
    • LM-56 Scienze dell’economia 
    • LM-59 Scienze della Comunicazione Pubblica, d’impresa e Pubblicita’ 
    • LM-62 Scienze della Politica 
    • LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni 
    • LM-65 Scienze dello Spettacolo e Produzione Multimediale 
    • LM-73 Scienze e Tecnologie Forestali ed Ambientali 
    • LM-75 Scienze e Tecnologie per l’ambiente e il Territorio 
    • LM-76 Scienze Economiche per l’ambiente e la Cultura 
    • LM-77 Scienze Economico-Aziendali 
    • LM-80 Scienze Geografiche 
    • LM-81 Scienze per la Cooperazione allo Sviluppo 
    • LM-84 Scienze Storiche 
    • LM-87 Servizio Sociale e Politiche Sociali 
    • LM-88 Sociologia e Ricerca Sociale 
    • LM-89 Storia dell’arte 
    • LM-90 Studi Europei 
    • LM-92 Teorie della Comunicazione
  • Conoscenza della lingua inglese;
  • Esperienza anche non continuativa in attività di gestione di progetti in materia di beni culturali o turismo che abbiano comunque coinvolto le comunità di italiani all’estero;
  • Esperienza anche non continuativa nel settore contabile e/o amministrativo;
  • Esperienza anche non continuativa in attività di coordinamento di gruppi di lavoro costituiti da un minimo di cinque persone;
  • Esperienza anche non continuativa nella gestione di progetti che coinvolgono amministrazioni pubbliche situate nella Regione prescelta per la candidatura; 
  • La somma dei periodi di esperienza relativi ai requisiti sopraelencati dovrà complessivamente raggiungere almeno i cinque anni. 

Come presentare la domanda di partecipazione

Per partecipare al concorso è necessario essere registrati al inPa, il portale di reclutamento della PA, questo link vi permetterà di accedere direttamente alla selezione del Ministero. Una volta letto il bando, potrete cliccare sul tasto blu Invia Candidatura; si aprirà una pagina che richiederà l’accesso tramite SPID, CIE, E CNS. Dopo avere effettuato l’accesso dovrete seguire le indicazioni fornite dalla piattaforma.

Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui