ERSI Abruzzo: concorsi pubblici per istruttori tecnici e amministrativi

L’Ente regionale per il servizio Idrico Integrato – ERSI Abruzzo ha dato il via a due concorsi per istruttori tecnici e amministrativi

L’Ente Regionale per il Servizio Idrico Integrato – ERSI ABRUZZO ha promosso due concorsi per istruttori tecnici e amministrativi destinati a coprire ben 5 posti di lavoro. L’iniziativa pubblica ha l’obiettivo di inserire in organico personale specializzato con contratto a tempo indeterminato.

Un’occasione assolutamente da non perdere per i professionisti del settore.

È possibile inoltrare la propria candidatura e la proposta di ammissione fino al 24 novembre 2022. Di seguito vengono riportate tutte le informazioni utili a chiarire le modalità di presentazione della domanda, i requisiti, le caratteristiche richieste e i bandi da scaricare.

Concorsi pubblici ERSI Abruzzo

ERSI, con sede all’Aquila, ha dato il via a due bandi di concorso con l’obiettivo di inserire 5 profili specializzati nel comparto tecnico e amministrativo per potenziare la produttività del suo personale. Le assunzioni sono tutte a tempo indeterminato e prevedono l’inserimento delle seguenti risorse professionali:

  • n. 3 posti per Istruttore Direttivo Tecnico;
  • n. 2 posti per Istruttore Direttivo Amministrativo Giuridico.

È buona norma ricordare che è applicabile la riserva di n. 1 posto da destinare ai volontari in ferma breve autorizzata dalle Forze Armate.

Requisiti richiesti

Gli aspiranti operatori del settore tecnico e amministrativo che si candidano ai concorsi indetti da ERSI Abruzzo devono possedere i seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’UE o di un’altra delle categorie ammesse dai bandi;
  • età non inferiore a 18 anni e non superiore all’età di collocamento a riposo;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato attivo;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie del profilo professionale oggetto di concorso;
  • non essere stati destituiti dall’impiego o licenziati o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento; non essere stati inoltre dichiarati decaduti da un impiego pubblico a seguito dell’accertamento che l’impiego stesso è stato conseguito mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
  • assenza di condanne penali passate in giudicato né avere procedimenti penali in corso che impediscano la costituzione del rapporto di lavoro con la Pubblica Amministrazione;
  • conoscenza delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse (pacchetto Office, posta elettronica, ecc.);
  • conoscenza della lingua inglese.

Titoli di studio

A seconda del profilo per il quale si presenta la candidatura è necessario possedere uno dei seguenti titoli di studio:

Istruttore direttivo tecnico

  • Laurea Magistrale appartenente ad una delle seguenti classi: LM 04 – Architettura e Ingegneria Edile-Architettura, LM 23 – Ingegneria Civile, LM 24 – Ingegneria dei Sistemi Edilizi, LM 26 – Ingegneria della Sicurezza, LM 35 – Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, LM 48 – Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale, LM 32 – Ingegneria Informatica o titoli equiparati.

Istruttore tecnico amministrativo giuridico

  • Laurea Magistrale appartenente ad una delle seguenti classi: LMG/01 Laurea in Giurisprudenza, LM-16 Finanza, LM-52 Relazioni Internazionali, LM-56 Scienze dell’economia, LM-62 Scienze della Politica, LM-63 Scienze delle Pubbliche amministrazioni, LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura, LM-77 Scienze economico-aziendali, LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo, LM-87 Servizio sociale e politiche sociali, LM-88 Sociologia e ricerca sociale, LM-90 Studi europei.

Iter selettivo

Oltre alla valutazione dei titoli posseduti, i concorsi prevedono due prove d’esame: una prova scritta e una prova orale.

Naturalmente è prevista una prova preselettiva, nel caso dovesse verificarsi un numero di domande superiore rispetto a quello stabilito dalla Commissione.

I bandi da scaricare

La lettura dei bandi, pubblicati anche sulla Gazzetta Ufficiale, è disponibile cliccando sulla seguente pagina, dalla quale sarà possibile leggere attentamente il contenuto e ulteriori informazioni utili.

Qualora volessi partecipare a qualsiasi altro concorso, qui è possibile trovare i Concorsi Pubblici che si svolgono in Italia suddivisi per Enti. Seleziona l’Ente di tuo interesse e consulta i bandi aperti.

Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui