A Padova il Bando per l’abilitazione a Guida Turistica

Quando si decide di impegnarsi per muovere i primi passi in una precisa carriera, quando si sceglie di concentrare i propri sforzi per inserirsi in un determinato ambito, per apprendere una specifica professione, molto probabilmente si è animati da una forte passione che suggerisce che quella è la via giusta da seguire.

Poco importa che che ci si stia reinventando, cimentandosi in una professione nuova, seguendo una passione sorta da poco o un vecchio amore accantonato per varie vicissitudini oppure che  sia la prima carriera che si tenta di intraprendere, e che quindi si stia appena iniziando a familiarizzare con il mondo del lavoro: se è in giro per il mondo che volete lavorare la professione di guida turistica potrebbe proprio fare al caso vostro.

Per lavorare come guida turistica è indispensabile essere in possesso dell’abilitazione professionale e il bando di cui ci occuperemo oggi è proprio un bando per l’abilitazione a guida turistica indetto dalla provincia di Padova. D’altronde Padova, importante città del Veneto, è uno dei più grandi centri di trasporti intermodali (ossia di quel tipo particolare di trasporto che nasce dalla combinazione di trasporti con mezzi diversi) e rappresenta attualmente il più grande interporto dell’Italia settentrionale e centrale: una città che si configura come una realtà così forte a livello di trasporti come potrebbe non avere un’attenzione particolare per il mondo del turismo?

 

Fare la guida turistica è il tuo sogno nel cassetto e vorresti provare ad ottenere l’abilitazione per questa professione? Per partecipare al bando per l’abilitazione necessaria per esercitare questo mestire occorre possedere determinati requisiti. Se vuoi candidarti i requisiti indipensabili sono infatti possedere la cittadinanza italiana o, se stranieri, possedere la cittadinanza di un altro stato membro della Unione Europea, occorre inoltre avere almeno 18 anni e avere conseguito un diploma di istruzione  secondaria  di  secondo  grado  che  permetta l’accesso all’Università.

Se si è in possesso di questi requisiti fondamentali l’abilitazione a guida turistica diventa un obbiettivo sempre più raggiungibile: a questo punto dovrete solo presentare la domanda di partecipazione entro la data di scadenza fissata per il 31 Gennaio 2012 e allegare alla domanda d’esame  la ricevuta del versamento di €. 164,62 (di cui €.  150,00 quale  concorso  alle  spese  organizzative  sostenute dall’Amministrazione ed €. 14,62 quale assolvimento virtuale dell’imposta di bollo sulla domanda di partecipazione) e iniziare a prepararvi all’esame per l’abilitazione. In cosa consisterà questo esame? Vi saranno in totale tre prove:

  • Prova scritta: la prova scritta consta di 50 domande a risposta multipla in cui gli argomenti verteranno su tecnica e organizzazione e legislazione in materia turistica,  valutazioni di casi pratici sulla gestione dei gruppi
  • Due prove orali: una prova orale in italiano sugli stessi argomenti della prova scritta e una prova orale in lingua straniera atta a verificare la conoscenza del candidato di una seconda lingua . la competenza linguistica richiesta è quella relativa al livello “intermedio b2 progresso”.

 

La tua passione sono quindi proprio i viaggi? Vorresti che il tuo lavoro fosse rendere indimenticabili i momenti in cui gli altri non lavorano e si dedicano così ai viaggi? Desideri che siano le vacanze la tua professione? Il tuo futuro potrebbe allora proprio essere nel ruolo di guida turistica: saresti tu quel professionista impegnato ad accompagnare singoli o interi gruppi in giro per il mondo prestando attenzione all’itinerario del viaggio, affinché sia attuato in maniera più fedele possibile e supervisionando lo svolgersi dell’intera vacanza, fronteggiando anche gli eventuali imprevisti.

Se è quello da guida turistica il futuro che davvero vuoi e se sei in possesso dei requisiti richiesti non ti resta che candidarti al bando per l’abilitazione a guida turistica: la domanda di partecipazione può essere consegnata a mano all’Ufficio Protocollo della Provincia oppure inviato, al suddetto ufficio, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.

Annunci Correlati

Menu