ISS: Concorsi per 37 Ricercatori a Roma

ISS: Concorsi per 37 Ricercatori a RomaIl tema della salute pubblica è di fondamentale importanza per l’ordinamento dello Stato Italiano. Anche se il servizio sanitario è generalmente gestito a livello regionale, il Servizio Sanitario Nazionale assicura le attività assistenziali e la tutela della salute a tutti i cittadini.

La sanità pubblica è un fondamento dello stato sociale e delle politiche di welfare, attraverso il coordinamento del Ministero della Salute; i servizi sanitari sono finanziati dalla fiscalità generale, dai ticket e dalle prestazioni a pagamento, in modo da garantire una sanità pubblica e universalistica. All’interno del Servizio Sanitario Nazionale sono poi presenti numerosi istituti dedicati alla ricerca medica, come l’ISS, che offrono opportunità di lavoro a ricercatori e specialisti.

ISS è la sigla dell’Istituto Superiore di Sanità, un ente pubblico che fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Venne fondato nel 1934, con sede a Roma, per svolgere funzioni di ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, documentazione e formazione in materia di salute pubblica. L’ISS comprende numerosi dipartimenti e centri nazionali, articolati in reparti tecnico-scientifici per lo studio di diverse patologie di rilevanza nazionale, sotto la diretta vigilanza del Ministero delle Salute. All’interno dell’ISS sono presenti anche tre laboratori di riferimento europei: per le sostanze chimiche negli alimenti di origine animale, per Escherichia Coli e per i parassiti. L’attuale presidente dell’istituto è Fabrizio Oleari.

 

L’ultimo bando pubblicato dall’ISS riguarda l’assunzione di 37 ricercatori di III livello a tempo determinato. La selezione pubblica avverrà per titoli e colloquio, e la durata del contratto varia da 1 a 2 anni a seconda del profilo. I ricercatori verranno inseriti all’interno dei dipartimenti specifici per la posizione in concorso; per partecipare, è richiesta un’esperienza pregressa in attività di ricerca che varia dai 3 ai 5 anni, assieme a una comprovata conoscenza delle tecniche di laboratorio specifiche per la posizione. I 37 posti disponibili sono così suddivisi:

  • 3 Ricercatori da inserire nel Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare;
  • 3 Ricercatori da inserire nel Dipartimento di Biologia cellulare e neuroscienze;
  • 3 Ricercatori da inserire nel Centro nazionale di sostanze chimiche;
  • 2 Ricercatori da inserire all’interno del Dipartimento di Ematologia, oncologia e medicina molecolare;
  • 4 Ricercatori da inserire all’interno del Dipartimento di Ambiente e connessa prevenzione primaria;
  • 4 Ricercatori da inserire all’interno del Dipartimento del Farmaco;
  • 2 Ricercatori da inserire nel Dipartimento di Tecnologie e Salute;
  • 6 Ricercatori da inserire nel Centro nazionale malattie rare;
  • 2 Ricercatori da inserire nel Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute;
  • 5 Ricercatori da inserire all’interno del Dipartimento di Malattie infettive parassitarie ed immunomediate;
  • 2 Ricercatori da inserire all’interno del Centro nazionale AIDS;
  • 1 Ricercatore da inserire all’interno del Centro nazionale organismo notificato per dispositivi medici e la valutazione dei cosmetici.

Per ogni posizione è richiesta una laurea magistrale nella materia attinente alla disciplina di ricerca, preferibilmente accompagna da un dottorato o da un master di specializzazione. Ulteriori informazioni sulle specifiche posizioni possono essere trovate all’interno del bando pubblicato dall’ISS.

 

Se siete interessati a partecipare, visitate il sito web dell’ISS –>> www.iss.it/lavo/index.php?lang=1&id=437&tipo=3

Scaricate il bando e la domanda di partecipazione, compilatela in ogni parte e inviatela assieme ai relativi allegati agli uffici centrali dell’ISS. La procedura di ricevimento delle domande terminerà il prossimo 22 Aprile; successivamente verranno effettuati i colloqui all’interno della graduatoria stilata in base ai titoli posseduti dai ricercatori.

Annunci Correlati

Menu