Città di Venezia: concorsi per 10 ispettori vigilanza e 5 istruttori direttivi amministrativi

Ci si può candidare entro il 26 aprile

Città di Venezia: concorsi per 10 ispettori vigilanza e 5 istruttori direttivi amministrativi. Ci si può candidare entro e non oltre il prossimo 26 aprile. Se siete interessati a questa opportunità di lavoro in Veneto e pensate di avere le giuste competenze, continuate a leggere di seguito per avere maggiori informazioni su come candidarvi con successo.

Requisiti

Ecco i requisiti richiesti per poter partecipare al concorso a Città di Venezia e divisi a seconda del profilo di riferimento:

ISPETTORI DI VIGILANZA

  • titolo di studio: laurea triennale in materie giuridiche o economiche o scienze politiche ovvero laurea vecchio ordinamento o specialistica o magistrale in materie giuridiche o economiche o scienze politiche
  • essere in possesso di abilitazione alla guida di autoveicoli (patente cat. B)
  • cittadinanza italiana, secondo quando previsto dal DPCM 07.02.1994, n. 174. Sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non residenti nella Repubblica ed iscritti all’A.I.R.E. 
  • età superiore agli anni 18 e inferiore agli anni 55 (non ancora compiuti)
  • Idoneità fisica ed attitudinale al servizio operativo esterno
  • non avere impedimenti al porto e all’uso dell’arma (per coloro che sono stati ammessi a prestare servizio sostitutivo civile come “obiettori di coscienza” si veda quanto previsto dall’art. 636 del D.Lgs. 66/2010)
  • essere in possesso dei requisiti necessari per la nomina ad agente di pubblica sicurezza, ossia: godimento dei diritti civili e politici, non aver subito condanna a pena detentiva per delitto non colposo,anche irrogata con sentenza prevista dall’art. 444 del codice di procedura penale (c.d. patteggiamento), non essere stato e non essere al momento dell’immissione in servizio sottoposto a misure di prevenzione e non essere stato espulso dalle Forze Armate o da Corpi militarmente organizzati, o destituito dai pubblici uffici
  • non aver subito condanne penali, anche non definitive, per reati che impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge, la prosecuzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione
  • non essere esclusi/e dall’elettorato politico attivo e di non essere stati/e destituiti/e o dispensati/e dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento […]
  • non essere incorso nella risoluzione del rapporto di lavoro per mancato superamento del periodo di prova per il profilo messo a selezione da una Pubblica Amministrazione
  • non essere stato licenziato da una Pubblica Amministrazione a seguito di procedimento disciplinare ovvero a seguito dell’accertamento che l’impiego venne conseguito mediante la produzione di documenti falsi e comunque con mezzi fraudolenti
  • disponibilità incondizionata e irrevocabile al porto delle armi d’ordinanza ed alla conduzione di tutti i veicoli e natanti in dotazione al Corpo di Polizia Locale
  • accettare incondizionatamente le disposizioni contenute nel presente bando e le disposizioni in materia di orario di lavoro che per le mansioni proprie del posto messo a concorso prevedono l’organizzazione su fasce orarie anche pomeridiane, serali, notturne e festive con impiego in turni
  • limitatamente ai concorrenti di sesso maschile nati prima del 31.12.1985, essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari di leva
LEGGI ANCHE  Concorsi Regione Lazio: 9.700 assunzioni nella Sanità entro il 2025

ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO

  • titolo di studio: laurea triennale ovvero laurea vecchio ordinamento o specialistica o magistrale
  • cittadinanza italiana. Sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non residenti nella Repubblica ed iscritti all’A.I.R.E.
  • età non inferiore agli anni 18 e non aver superato l’età prevista dalle vigenti disposizioni di legge per il conseguimento della pensione per raggiunti limiti di età
  • idoneità fisica alle mansioni da svolgere, fatta salva la tutela dei portatori di handicap di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 104
  • limitatamente ai candidati di sesso maschile nati prima del 31 dicembre 1985, essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari di leva
  • godimento dei diritti civili e politici
  • non aver subito condanne penali, anche non definitive, per reati che impediscono, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge, la prosecuzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione
  • non essere esclusi/e dall’elettorato politico attivo e di non essere stati/e destituiti/e o dispensati/e dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero dichiarati/e decaduti/e da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del Testo Unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3
  • non essere incorso nella risoluzione del rapporto di lavoro per mancato superamento del periodo di prova per il profilo messo a selezione da una Pubblica Amministrazione
  • non essere stato licenziato da una Pubblica Amministrazione a seguito di procedimento disciplinare ovvero a seguito dell’accertamento che l’impiego venne conseguito mediante la produzione di documenti falsi e comunque con mezzi fraudolenti
  • i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea nonché gli extracomunitari non devono essere incorsi anche nel paese di origine nelle fattispecie di cui ai punti 7), 8), 9), 10)
  • accettare incondizionatamente le disposizioni contenute nel presente avviso e che le comunicazioni siano inviate tramite posta elettronica;
  • accettazione incondizionata delle disposizioni in materia di orario di lavoro che possono prevedere l’organizzazione su fasce orarie anche pomeridiane, serali, notturne e festive;
  • (eventuale) l’appartenenza alla categoria di personale affetta da disturbi specifici di apprendimento (DSA). In tal caso dovrà essere allegata alla domanda di partecipazione al concorso apposita documentazione resa dalla commissione medico-legale dell’ASL di riferimento o da equivalente struttura pubblica comprovante tale stato e il candidato potrà chiedere la sostituzione della prova scritta con un colloquio orale oppure di utilizzare gli strumenti compensativi per le difficoltà di lettura, di scrittura e di calcolo specificatamente indicati a cura del candidato, e/o di usufruire di un prolungamento dei tempi stabiliti per lo svolgimento delle prove
LEGGI ANCHE  Concorso Università Politecnica Marche 2024: posti per collaboratori diplomati

Ecco i bandi

Per tutte le altre info è utile consultare i due bandi che vi presentiamo di seguito:

Come candidarsi

Città di Venezia: concorsi per 10 ispettori vigilanza e 5 istruttori direttivi amministrativi ma come poter fare domanda? In entrambi i casi la modalità è telematica. Vi consigliamo di consultare i bandi anche per essere certi di allegare tutta la documentazione richiesta che si presenta assolutamente necessaria, pena l’esclusione dal concorso di riferimento.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.