Ministero dell’Economia, Concorso per 179 Laureati

L’amministrazione della spesa pubblica e del bilancio statale è una delle principali attività governative: non a caso, il Ministero dell’Economia e delle Finanze è considerato uno dei più importanti e si avvale di numerosi dipendenti per tutte le necessità operative.

Il concorso di cui vi parliamo oggi mira al reclutamento di 179 unità di personale della terza area su tutto il territorio nazionale, suddivisi in profilo giuridico ed economico.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze è uno dei principali dicasteri del Governo Italiano. Il suo compito è quello di controllare la spesa pubblica, le entrate dello Stato Italiano, dirigere le attività di politica economica e finanziaria.

L’unificazione tra i ministeri del Tesoro e delle Finanze è avvenuta nel 2001 in seguito alla Riforma Bassanini, per assorbire le funzioni del tesoro, del bilancio e della programmazione economica. Operano in stretta interdipendenza con il Ministero dell’Economia anche le quattro agenzie fiscali italiane, pur mantenendo la loro autonomia. L’attuale ministro è Fabrizio Saccomanni.

Il bando pubblicato dal Ministero dell’Economia prevede il reclutamento di 179 unità di personale della Terza area (fascia retributiva F1) su tutto il territorio nazionale. La selezione è suddivisa in 90 unità con profilo giuridico e 89 unità con profilo economico.

Guarda anche il concorso per i 30 Informatici a Tempo Indeterminato

Per partecipare al concorso è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • Cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea;
  • Possesso di laurea specialistica, laurea magistrale o laurea di vecchio ordinamento con voto non inferiore a 105/110;
  • Idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni;
  • Godimento dei diritti politici;
  • Non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione.

La commissione valutatrice del Ministero dell’Economia e delle Finanze provvederà a organizzare delle prove preselettive, nel caso in cui il numero dei candidati sia pari o superiore a sei volte il numero totale dei posti messi a concorso. Le prove preselettive, differenziate per i due profili, avranno una durata di 60 minuti l’una e consisteranno in una serie di domande a risposta multipla su temi di diritto amministrativo, scienze delle finanze, contabilità pubblica e lingua inglese.

Gli esami del concorso consisteranno invece:

  • Per il profilo giuridico: due prove scritte di prevalente contenuto giuridico e organizzativo, più una prova orale.
  • Per il profilo economico: due prove scritte di prevalente contenuto economico e statistico, più una prova orale.

Le graduatorie finali saranno predisposte sulla base dei due diversi profili e utilizzate per l’assunzione da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze su tutto il territorio nazionale.

Scaricate il testo integrale del bando per ottenere maggiori informazioni sul ruolo da ricoprire e sulle prove d’esame. La domanda di ammissione al concorso dovrà essere compilata esclusivamente per via telematica, utilizzando la specifica procedura telematica nella sezione dedicata ai concorsi, entro e non oltre il 27 gennaio 2014.

Annunci Correlati

Menu