Misure scuola Decreto PA bis: ecco le novità

Siamo in attesa che il testo entri in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

Ecco le nuove misure scuola col Decreto PA bis che è stato da poco approvato e che introdurrà importanti cambiamenti per velocizzare lo svolgimento dei concorsi per assumere i docenti e allo stesso tempo semplificare le assunzioni del personale scolastico. Non solo, le nuove misure riguarderanno anche la formazione iniziale degli insegnanti. Di seguito ecco tutte le informazioni a oggi disponibili sul Decreto PA bis.

I cambiamenti previsti dal Decreto PA bis sulla scuola

Tra le misure scuola col Decreto PA bis saranno tanti gli aspetti che cambieranno. Elenchiamoli brevemente:

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RECLUTAMENTO SCOLASTICO

  • cambiano le prove dei concorsi. La prova scritta avrà più quesiti a risposta multipla, la prova orale sarà volta ad accertare in particolare le conoscenze e le competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa.
  • Integrazione delle graduatorie concorsuali. In caso di rinunce, le graduatorie potranno essere integrate con i candidati che hanno ottenuto almeno il punteggio minimo per superare le prove concorsuali
  • eliminata la precedenza degli abilitati nelle assunzioni. Non succederà più che i vincitori del concorso ordinario per docenti privi di abilitazione si collochino in graduatoria in coda agli abilitati
  • nuove disposizioni per la redazione dei quesiti della prova scritta. La redazione dei quesiti della prova scritta è assegnata ad una o più università, o consorzi universitari ovvero enti pubblici di ricerca nonché al Formez PA

Altre modifiche

DISPOSIZIONI PER I PERCORSI ABILITANTI PER DOCENTI

I corsi abilitanti per insegnanti subiranno anch’essi numerose modifiche:

  • non ci saranno più restrizioni per il numero di insegnanti che possono ottenere l’abilitazione per una specifica classe di concorso
  • sono erogati online i corsi da 30 CFU rivolti ai docenti c.d. ingabbiati. Con questa classificazione si intendono gli insegnanti assunti in ruolo che vogliono conseguire una ulteriore abilitazione o specializzati sul sostegno privi dell’abilitazione
  • i vincitori non abilitati dei prossimi concorsi ordinari potranno ripetere la prova per due volte, poi in caso di non superamento saranno cancellati dalla graduatoria concorsuale e non potranno essere immessi in ruolo
  • gli aspiranti che partecipano al concorso con 30 CFU integrano i CFU/CFA, ove mancanti, per il completamento del percorso abilitante
  • gli aspiranti che partecipano al concorso con 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022, se vincitori, seguono il percorso da 36 CFU secondo quanto previsto dal DPCM sulla formazione dei docenti
  • per gli ITP, restano validi ai fini della partecipazione ai concorsi, fino al 31 dicembre 2024, i diplomi che danno accesso alle classi di concorso del tipo B
LEGGI ANCHE  Concorso Conservatorio Benedetto Marcello 2024, per operatori ATA

DISPOSIZIONI PER IL RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DEL MINISTERO

Misure scuola Decreto PA bis: ecco le novità in questo ambito:

  • la dotazione organica del Ministero dell’istruzione e del merito è incrementata di 2 posizioni dirigenziali di livello generale e di 8 posizioni dirigenziali amministrative di livello non generale
  • Via libera a nuove 40 assunzioni presso il MIM di personale da inquadrare nell’Area dei funzionari del CCNL Comparto Funzioni Centrali
  • la consistenza del fondo risorse decentrate del MIM è incrementata di 6 milioni di euro per l’anno 2023, 7,5 milioni di euro per l’anno 2024 e 9 milioni a decorrere dall’anno 2025.

Il testo del decreto entrerà in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale: vi terremo aggiornati in questa sezione.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.