Poste Italiane, la guida completa alle assunzioni

In questa guida, esploreremo tutti i dettagli sulle opportunità di lavoro presso Poste Italiane, le figure ricercate e i requisiti necessari per candidarsi con successo

In questa guida, esploreremo tutti i dettagli sulle opportunità di lavoro presso Poste Italiane, le figure ricercate e i requisiti necessari per candidarsi con successo. Scopriamo di più.

Posizioni e figure ricercate in Poste Italiane

In un’azienda grande come Poste Italiane l’innovazione implica l’affermarsi di nuove competenze e nuovi mestieri che si sono aggiunti a quelli già presenti: portalettere e informatici, impiegati amministrativi, addetti agli sportelli, allo smistamento, ai trasporti.

E ancora venditori, tecnici di impianti, consulenti finanziari, responsabili degli acquisti, addetti alle risorse umane, allo smistamento della corrispondenza, ai call center. E poi operatori doganali, specialisti della manutenzione immobiliare, del controllo di gestione, dei servizi generali, dell’informazione. Infine, web designer, operatori polivalenti, responsabili della sicurezza.

Requisiti per le assunzioni

Le selezioni sono rivolte a candidati diplomati o laureati; ovviamente il titolo di studio richiesto varia in base alla posizione in azienda.

Per lavorare come portalettere, oltre al diploma, bisogna possedere la patente di guida di categoria B. Solo per lavorare nella provincia di Bolzano è richiesto, in aggiunta, il patentino del bilinguismo (italiano-tedesco).

Processo di selezione in Poste Italiane

In via generale, per i candidati che non hanno maturato significative esperienze professionali la selezione viene effettuata utilizzando test attitudinali e di lingua inglese, prove di gruppo e colloqui individuali. Per i candidati con un consolidato background professionale si ricorre a un’intervista strutturata.

Concorsi Pubblici e Opportunità di Carriera in Poste Italiane – Scopri di Più

In pratica:
– i candidati individuati ricevono, entro la settimana successiva a quella di scadenza dell’annuncio, una mail da parte della Società Giunti OS (info.giuntitesting@giuntipsy.com) all’indirizzo di posta elettronica indicato in fase di candidatura con l’invito a effettuare un test di ragionamento logico online. Viene indicato anche un link a cui collegarsi per effettuare la prova via web e tutte le spiegazioni necessarie per il suo svolgimento;
– superato il test, si viene contattati dal personale di Poste Italiane per il completamento della seconda fase del processo di selezione. Questa comprende un colloquio e la prova pratica di guida (nel caso dei Postini).

LEGGI ANCHE  Concorso funzionari Regione Lombardia 2024: 190 posizioni nella giunta regionale

Durata dei contratti

Il contratto per portalettere Poste Italiane è a tempo determinato, almeno inizialmente. L’azienda, infatti, avvia periodicamente apposite procedure per la stabilizzazione per contratti a tempo indeterminato. Per essere stabilizzati occorre aver lavorato almeno 6 mesi alle Poste.

Quanto dura il contratto di portalettere? Dipende dalle esigenze dell’azienda. Solitamente, ha una durata di 3 o 4 mesi. Il contratto per postini può essere prorogato fino ad un massimo di 4 proroghe e a una durata di 12 mesi. La proroga non è automatica e la società non ha alcun obbligo di prorogare i contratti.

Per entrare nella graduatoria finalizzata alle stabilizzazioni dei contratti a tempo determinato, occorre attendere che l’azienda apra la finestra per presentare domanda (l’ultima è stata dal 24 febbraio al 5 marzo 2023). Coloro che hanno maturato un’anzianità di 6 mesi e desiderano essere assunti a tempo indeterminato devono, quindi, presentare l’istanza telematica, tramite l’apposito applicativo reso disponibile dall’azienda in questa pagina. Una volta aperto l’applicativo e fatto l’accesso, si possono scegliere 3 province tra quelle comunicate dall’azienda.

Dopo le graduatorie provvisorie, vengono stilate le graduatorie definitive e chi è in posizione utile viene assunto a tempo indeterminato.

Stipendio e retribuzione

Il personale non dirigente delle Poste Italiane percepisce uno stipendio che varia a seconda del livello e del ruolo. Un portalettere junior prende uno stipendio base mensile di 1160/1200 euro netti, mentre un operatore di sportello percepisce uno stipendio che varia tra 20.000-21.000 euro annui, ossia circa 1200 euro netti al mese.

Un consulente può guadagnare circa 1.500 euro al mese e un Direttore circa 40.000 euro l’anno. Un autista di Poste italiane guadagna circa 1.600 euro lordi mensili di stipendio per quattordici mesi l’anno.

LEGGI ANCHE  Preparazione concorso Regione Lombardia 2024 per 190 posti

La retribuzione fissa per i dipendenti di poste comprende: minimo tabellare, indennità di contingenza, retribuzione di anzianità, tredicesima e quattordicesima, elemento distintivo della retribuzione, altre indennità dovute, assegno per il nucleo familiare se dovuto. Sono previste maggiorazioni per lavoro festivo, notturno e straordinario.

Come candidarsi per le assunzioni

E’ possibile candidarsi in Poste Italiane inviando il proprio curriculum vitae tramite la piattaforma riservata alle selezioni in corso. La recente piattaforma è stata rinnovata e offre ai candidati l’opportunità di segnalare le proprie candidature per postini e altre figure di staff.

Inoltre, gli annunci possono essere inseriti o rimossi in base alle esigenze del momento, lasciando tuttavia aperta la possibilità di Candidatura spontanea.

Opportunità di carriera

Poste Italiane offre diverse opportunità di carriera in vari settori, tra cui recapito, finanza, assicurazioni, tecnologia e logistica. L’azienda cerca persone qualificate e motivate che condividano i suoi valori di innovazione, sostenibilità e responsabilità sociale.

Poste Italiane offre anche opportunità di carriera per studenti e neolaureati attraverso tirocini e programmi di formazione.

Scopri le Ultime Offerte e Assunzioni di Poste Italiane, clicca qui

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Ortensia Ferrara
Ortensia Ferrara
Classe ’83, giornalista pubblicista dal 2007, laureata in scienze della comunicazione dal marzo 2008, appassionata di scrittura creativa, giornalismo e comunicazione da sempre. Pignola, puntuale, permalosa e inguaribilmente pessimista, curiosa, noiosa e ironica.