Concorso per 100 Giornalisti in RAI. Pubblicato il Bando

Ci sono stili diversi nel fare giornalismo, a prescindere dal mezzo di comunicazione scelto, che in gran parte sono influenzate dalla natura del singolo individuo, dalle motivazioni interne e dai suoi valori.

Sicuramente però il mezzo di comunicazione ha una notevole influenza su quello che è il modo di fare giornalismo che sarà certamente molto diverso tra giornale web, testata giornalistica cartacea e televisione. C’è chi non riuscirebbe mai a fare a meno di veder scritti nero su bianco i propri editoriali e chi invece è fin troppo legato alla voce del giornalista che pronuncia le parole scaturite dalla sua penna con tono impassibile.

C’è chi non sperimenterebbe neppure una nuova forma di giornalismo, tanta è l’abitudine; di contro c’è chi non si pone limiti. E’ dedicata a questi sperimentatori la notizia del Concorso RAI per l’assunzione a tempo determinato di 100 giornalisti professionisti che sarà pubblicato entro il 24 Febbraio 2014.

Per quel che si sa attualmente, per concorrere non ci sarebbero limiti di età né limiti per quanto riguarda il livello d’istruzione: l’unico requisito necessario per accedere al concorso è essere iscritti all’Ordine dei Giornalisti come giornalisti professionisti. Una volta terminate le prove, si provvederà a stilare una graduatoria in base ai punteggi ottenuti nelle diversi esami e i primi 100 classificati risulteranno vincitori. La graduatoria avrà una durata triennale e l’azienda attingerà alla stessa, in base alle esigenze, per incarichi a tempo determinato.

 

Per avere l’ufficialità sarà necessario attendere l’uscita del bando, ma già diversi “rumors” circolano attorno alle prove concorsuali. Sembra che abbiano previsto quattro prove che saranno così articolate:

  1. stesura di una notizia breve, stile tweet, cioè 140 caratteri
  2. test a risposta chiusa a crocette che verterà su argomenti di cultura generale
  3. redazione di un articolo per Tg e di un articolo per la radio (si vocifera che potrebbero esserci anche prove di speakeraggio e di improvvisazione in diretta)
  4. produzione, oltre che montaggio, di  un servizio audio/video completo, pronto per andare in onda

 

Annunci Correlati

Menu