Progetto EMY: 120 borse di mobilità Green economy

In che modo un programma per l’apprendimento permanente come il programma settoriale Leonardo da Vinci può davvero aiutare i giovani?  Promuovendo l’apprendimento delle lingue straniere, innanzitutto.

Perché saper parlare la lingua di un Paese significa potersi inserire più agevolmente nel suo tessuto culturale e professionale. Ma anche incoraggiando l’acquisizione di nuove competenze oltre le lingue, incitando lo sviluppo personale e la formazione.

Tutto questo per cosa? Tutto per aumentare, sia quantitativamente che qualitativamente, il volume della mobilità in tutta Europa delle risorse più importante: le risorse umane.

I giovani, nel mercato odierno, devono puntare tutto sulla preparazione personale e professionale se vogliono essere competitivi e devono impegnarsi per trovare il proprio posto, la propria opportunità di carriera, non solo guardando al mercato del lavoro italiano ma considerando, in toto, il mercato del lavoro europeo. Il progetto che vi presentiamo oggi ha già racchiuso nel nome tutto il suo spirito: si tratta infatti del Progetto Emy dove “Emy” sta per “Euro Mobility for Youngs“.

Un nome breve, quindi, per parlare di un progetto grande, poche parole per delineare una vera e propria dichiarazione di intenti. Qual è l’obiettivo del  progetto Emy? Naturalmente la mobilità. Su quale territorio? Su diversi paesi facenti parte dell’Unione Europea. E a chi è rivolto questo progetto? A giovani che, a fronte di possibilità di lavoro spesso troppo esigue, non vogliono rinunciare ad avere sogni grandi. Il settore su cui questo progetto si concentra è quello della green economy: è infatti proprio sull’ambito delle energie rinnovabili, dell’architettura ecocompatibile e dell’agricoltura sostenibile che il progetto vuole puntare con la sua assegnazione di 120 borse di mobilità.
Per saperne di più sul Programma Leonardo.

In quali paesi sarà possibile svolgere i tirocini di 11 settimane proposti dal progetto? Le 120 borse di mobilità sono distribuite in questo modo: 10 in Regno Unito; 20 in Spagna; 10 in Francia; 10 in Grecia; 10 in Lituania; 10 in Irlanda; 20 in Portogallo; 10 in Galles; 10 in Germania; 10 in Slovenia.

Il progetto Emy rappresenta di certo una grande opportunità: poter arricchire il proprio curriculum con quasi 3 mesi di tirocinio transnazione non è forse una grande occasione? A poter cogliere questa possibilità saranno 120 giovani del nostro BelPaese, a patto però che possiedano determinati requisiti indispensabili.

  • Maggiore età: chi intende candidarsi deve avere più di 18 anni.
  • Chi si candida non deve avere un posto di lavoro: per candidarsi ad una delle 120 borse di mobilità è requisito fondamentale non avere un’occupazione lavorativa.
  • Non essere studenti: non solo bisogna non lavorare ma anche non essere iscritti, al momento della presentazione della domanda, a nessun corso di studi.
  • Non avere già usufruito di una borsa di mobilità Leonardo da Vinci: per poter aspirare a ricevere una di queste borse è necessario non aver usufruito in passato di altre borse appartenenti sempre al programma Leonardo.
  • Conoscere la lingua: come sarebbe possibile pensare di svolgere un periodo di tirocinio all’estero senza essere in grado di parlare la lingua del Paese verso cui si sta partendo? Per partecipare alla selezione è quindi necessario possedere una buona conoscenza della lingua del Paese di destinazione o della lingua veicolare per il paese di destinazione
  • Essere in possesso di titoli di studio nelle aree tematiche connesse alla green economy: il titolo di studio migliore per prendere parte alla selezione? Una qualifica che riguardi l’agricoltura (come, ad esempio, una qualifica di periodo agrario), una laurea che abbia a che fare con l’energia (come una laurea in scienze ambientali), un titolo di studio che riguardi l’architettura eco-compatibile (avere una laurea in architettura può, ad esempio, essere un ottimo titolo di studio. Cosa fare se non si possiede un titolo di studio attinente alle tematiche? Si può essere comunque presi in considerazione a patto che si sianofrequentati Master e/o Corsi di specializzazione e/o corsi di formazione professionale attinenti (Energy Manager, Green marketing manager…).

Quali sono le varie scadenze del progetto Emy? Abbiamo la sottofase 1 ( domanda presentabili dal 7 al 30 gennaio 2013 per partenze da realizzare entro il 30 maggio 2013), la sottofase 2 (domande di partecipazione inviabili dal 1 marzo al 30 aprile per partenze da realizzare entro il 30 settembre 2013) e la sottofase 3 (candidature presentabili dal 1 giugno al 30 settembre 2013 per partenze da realizzare entro il 30 gennaio 2014).

Annunci Correlati

Menu