Confindustria Pesaro e Urbino: Progetto per nuove idee

Confindustria Pesaro e Urbino: Progetto per nuove idee imprenditoriali I giovani, spesso, hanno in fondo agli occhi interi mondi a cui vorrebbero far vedere la luce: ma, quando una realtà inaridita dalla crisi sembra aver reso sterile ogni tentativo di inserirsi nel mondo del lavoro, come si fa a trovare il terreno su cui piantare i semi delle proprie ambizioni professionali? Tanti giovani sarebbero ben felici di impegnarsi per arare, giorno dopo giorno, i campi dei loro sogni.

Ma dove trovare l’occasione giusta per dare delle solide radici ai proprio progetti? Coltivare le proprie idee non è di certo di un’impresa facile ma, a volte, vengono promosse iniziative che credono davvero nelle idee di chi ha ancora voglia di credere nel futuro: oggi vi parleremo proprio di un progetto in cui i giovani imprenditori di confindustria Pesaro e Urbino, con la collaborazione di patrocinatori e sponsor, si impegnano a premiare le idee imprenditoriali che meritano di ricevere fiducia e supporto.

Chi l’ha detto che tutti i giovani finiscono sempre con il comportarsi come i capponi di Renzo Tramaglino? È vero che, spesso, tra compagni di s-ventura, non si riesce a far prevalere la solidarietà sugli inutili dissensi, ma non sempre: il Gruppo GI- Giovani Imprenditori di Confindustria Pesaro e Urbino rappresenta, in questo senso, una piacevole eccezione. Questo gruppo di lavoro ha infatti deciso di tendere la mano a tutti gli aspiranti imprenditori con un progetto dal nome emblematico: l’iniziativa si chiama infatti “E se funzionasse?” e ha come obiettivo lo scouting di nuove idee capaci di dare nuova linfa all’imprenditoria.

 

Avere un’idea imprenditoriale non sempre significa riuscire anche a concretizzarla: partecipare a questa iniziativa significa avere l’opportunità di rendersi davvero conto del potenziale della propria idea e di capire se il proprio progetto potrebbe realmente dare vita ad un’iniziativa imprenditoriale. La selezione delle idee imprenditoriali da parte di Confindustria avverrà in tre fasi: in primo luogo ci sarà una selezione dei documenti presentati dai candidati nella domanda di partecipazione, seguirà un colloquio con gli aspiranti imprenditori e infine ci sarà l’evento finale in cui gli startupper selezionati presenteranno i loro progetti imprenditoriali alla commissione presente proprio al fine di valutarli. Chi verrà selezionato per partecipare all’iniziativa e, soprattutto, chi arriverà  a prendere parte all’evento finale di matching presso la sede di Confindustria Pesaro Urbino, avrà la straordinaria possibilità di entrare in contatto con persone realmente capaci di supportarlo nella realizzazione del suo progetto imprenditoriale.

Chi sono i destinatari del progetto “E se funzionasse?”? Requisito imprescindibile per prendere parte all’iniziativa è avere un’idea: hai in mente un progetto vincente che, se realizzato, potrerebbe all’apertura di una nuova impresa o ad uno sviluppo sostanziale di un’impresa già esistente? Se hai un’idea e hai intenzione di concretizzarla nel territorio della Provincia di Pesaro Urbino tu sei il candidato ideale per ricevere i finanziamenti stanziati da questa iniziativa: per chi propone un progetto non esistono infatti altri vincoli. Non importa che ad avanzare la domanda di partecipazione sia una persona da sola o un gruppo di persone né quanti anni abbiano i candidati né la loro provenienza geografica: a contare davvero sono solo le idee e il loro potenziale. Niente limiti di età quindi, ma solo un “obbligo” che riguarda la sede dell’impresa che verrà costruita: per ricevere il premio, consistente nel diritto all’iscrizione gratuita per un anno a Confindustria Pesaro Urbino, è fondamentale che l’impresa venga costituita proprio nella Provincia di Pesaro e Urbino.

 

Come partecipare all’iniziativa? Per prendere parte al progetto il primo passo da compiere è leggere il regolamento di partecipazione –> www.esefunzionasse.it/

Dopo aver preso visione delle linee guida dell’iniziativa dovrete compilare il modulo di partecipazione, allegare ad esso la documentazione richiesta e spedirlo, tramite posta elettronica, entro e non oltre mezzanotte del 3 Maggio 2013

Annunci Correlati

Menu