Creatività e Imprenditoria Geco 2: Finanziamenti da 175.000 Euro

Statico, dinamico, interattivo.
È questo il percorso nel quale si è evoluto il concetto di arte. Da processo di rappresentazione dell’interiorità dell’artista, attraverso un quadro, una foto o una statua, immobili nelle loro cornici, l’arte si è poi espressa mediante la commistione dei sensi dando origine a canti, danze e musiche.

Fino a questo momento è una relazione univoca: è l’artista che crea l’opera. Ma nel concetto di interattività la relazione si arricchisce di legami, di simboli e di significati che si mescolano o si contrappongono nel riconoscimento del messaggio dell’opera: l’artista coinvolge l’interiorità del pubblico che cambia forma all’arte-fatto. Siamo nel mondo della computer art e dei digital artist. Le tavolozze dei pittori diventano tavolette grafiche che si arricchiscono di sfumature; gli strumenti a disposizione della creatività dei maestri non sono solo tele, marmi e fogli di carta ma anche software e optical pen mouse che uniscono alla creatività, il processo d’innovazione.

 

Un’unione che la GAER (Giovani Artisti dell’Emilia Romagna) si propone di promuovere e incentivare. L’associazione senza fini di lucro, insieme all’Assessorato Progetto Giovani della Regione Emilia Romagna, ha indetto un Bando Creatività e Imprenditoria- Geco 2 per stimolare e sviluppare nuovi prodotti e progetti artistici-culturali in grado coinvolgere il territorio e generare collaborazioni fra le diverse realtà associative operanti nel settore della creatività.

 

Attraverso il bando vengono messi a disposizione 175 mila euro per finanziare proposte per la creazione di prodotti innovativi realizzati in uno dei 25 ambiti creativi (belle arti, arti visive, graphic design, illustrazione, fumetto, fotografia, stampa, scultura, design 3D, interaction design, product design, design del tessile e della moda, artigianato, gastronomia, filmmaking, audiovisivi, animazione, game design, musica, danza, teatro, scrittura creativa, poesia, interior design, urban design) e interventi in una delle 5 “macro aree creative” corrispondenti a 5 diverse città:

Piacenza – Costumistica teatrale-stilistica e moda/allestimenti degli spazi scenici, architettura effimera e teatro.
Reggio Emilia – Design, interactive design, design 3D, nuove tecnologie applicate alle arti visive, artigianato digitale.
Bologna – Editoria, Fumetto e Nuove Tecnologie applicate all’Audiovisivo.
Rimini – Teatro, musica, nuove espressività musicali, integrazione fra musica e altre arti.
Forlì-Cesena – Video multimedialità e comunicazione.

 

Possono partecipare al bando: giovani dai 18 ai 35 anni residenti o domiciliati in Emilia Romagna presentandosi o come singoli o come gruppo formale, associazioni, con sede legale in Emilia Romagna, operanti nel settore artistico la cui maggioranza dei soci fondatori, maggiorenni, deve avere meno di 35 anni.

Annunci Correlati

Menu