A scuola oltre 105mila assunzioni a tempo indeterminato per l’anno 2022-2023: cosa sapere

I nuovi posti di lavoro riguarderanno gli insegnanti ma anche il personale Ata

Una buona notizia per chi, da tempo, sta cercando di “entrare” a scuola: per l’anno scolastico 2022-2023 sono previste oltre 105mila assunzioni a tempo indeterminato e la notizia non può che essere accolta positivamente da tutti gli insegnanti che, ad oggi, non possono ancora contare su un posto fisso. Non solo da loro, però, perché i nuovi posti di lavoro riguarderanno anche il personale Ata.

A scuola oltre 105mila assunzioni: ecco chi ne beneficerà

Per l’esattezza saranno 105.089 le assunzioni a tempo indeterminato per l’anno scolastico 2022/23 di insegnanti e personale Ata. La notizia è ormai ufficiale, ed è stata data da Palazzo Chigi nei giorni scorsi. L’anno scolastico che è alle porte, quindi, segnerà la svolta per molti di coloro che sono attualmente alla ricerca di un posto fisso. 

Le assunzioni in tutta Italia riguarderanno esattamente 94.130 insegnanti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado, tra 63.781 docenti comuni e 30.349 di sostegno. Inoltre saranno previste 10.116 unità di personale Ata. 422 gli insegnanti di religione cattolica e 361 i dirigenti scolastici. Infine 60 unità di personale educativo.

Come saranno effettuate le assunzioni

Le assunzioni saranno effettuate attingendo dalle graduatorie degli aspiranti. Circa la metà dei posti sarà assegnata sulla base delle graduatorie dei concorsi attualmente in essere; il restante 50% sarà invece assegnato utilizzando le graduatorie ad esaurimento che, dal 2007-2008, hanno sostituito quelle permanenti). Insomma chi è già da tempo presente nelle varie graduatorie avrà ottime possibilità di vedersi assumere, con un contratto a tempo indeterminato.

Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui