Acconto IMU 2024: scadenza il 17 giugno e novità da conoscere

Scopri le ultime novità sull'acconto IMU 2024: dalla scadenza al 17 giugno alle esenzioni per i Comuni colpiti dai terremoti, con la possibilità di richiedere rimborsi per i pagamenti passati. Leggi di più!

Con l’approssimarsi del termine per il versamento dell’acconto IMU 2024, fissato al 17 giugno (data che quest’anno cade di sabato, mentre il 16 di domenica), è fondamentale essere informati sulle ultime novità e modifiche legislative riguardanti questa imposta municipale.

La sentenza della consulta e i rimborsi

Una delle più significative novità è rappresentata dalla sentenza numero 60 del 2024 della Consulta sugli immobili occupati abusivamente. Oltre all’arresto dei pagamenti dell’imposta sugli immobili occupati illegalmente, i proprietari hanno ora la possibilità di richiedere il rimborso sugli importi pagati in passato.

Compilazione della dichiarazione IMU

In base a quanto stabilito dal Ministero dell’Economia, i proprietari che hanno beneficiato delle esenzioni per il 2023 devono compilare la dichiarazione IMU per segnalare la situazione dell’immobile occupato al Comune di residenza.

Esenti per zona sismica

Per quanto riguarda le esenzioni fiscali, viene prorogata di un anno la deroga al pagamento dell’IMU per i Comuni colpiti dai terremoti del 2012 in Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, e del 2016 nel Centro Italia.

Nuove esenzioni e aliquote

L’introduzione di nuove esenzioni da parte dei Comuni slitta al 2025. Per il versamento dell’acconto IMU 2024, è necessario fare riferimento alle aliquote deliberate dal Comune per il 2023.

Soggetti interessati e agevolazioni

L’IMU si applica alla proprietà di diverse tipologie di fabbricati, terreni e aree fabbricabili, e coinvolge anche titolari di diritti reali sull’abitazione e altri soggetti quali genitori affidatari, concessionari di aree demaniali e locatari. Nel calcolo dell’IMU, vanno considerate le agevolazioni previste, come la riduzione della base imponibile per fabbricati storici o artistici e per alcune categorie di immobili concessi in comodato gratuito.

LEGGI ANCHE  Maxi-Sanzioni lavoro irregolare 2024: novità e controlli INL

Il saldo e le nuove aliquote

La scadenza per il versamento della seconda rata dell’IMU 2024 è fissata, come consuetudine, al 16 dicembre. Nel calcolo del saldo, sarà importante osservare le nuove aliquote che i Comuni avranno deliberato e pubblicato entro il 28 ottobre 2024 sul sito del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia.

Conclusioni

In vista della scadenza per il versamento dell’acconto IMU 2024, è essenziale essere aggiornati sulle novità normative e sulle modalità di compilazione e pagamento dell’imposta. Consultare le informazioni fornite dalle autorità competenti e le disposizioni locali dei singoli Comuni può essere fondamentale per adempiere correttamente agli obblighi fiscali e beneficiare delle agevolazioni previste. Per rimanere aggiornato sugli ultimi sviluppi normativi visita la nostra pagina dedicata alle news.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore