Accordo Ministero e sindacati su aumento stipendi e arretrati per docenti e personale ATA

Le somme verranno erogate verso il 15 dicembre

Riguarda un milione e 200 mila dipendenti pubblici, di cui più di 850mila insegnanti, il nuovo accordo sui contratti scolastici, stipulato tra Ministero e organizzazioni sindacali lo scorso 11 novembre e che presenta alcune novità sostanziali.

Il personale interessato

L’intesa concerne tutto il personale statale insegnanti e personale ATA di istituti e scuole di istruzione primaria e secondaria, delle istituzioni educative e degli istituti e scuole speciali statali – che abbiano un rapporto lavorativo a tempo indeterminato e a tempo determinato dipendente dalle amministrazioni del comparto ‘Istruzione e Ricerca’ dell’articolo 5 del Contratto Collettivo Nazionale Quadro – CCNQ.

Cosa prevede l’accordo

Il rinnovo del contratto nella scuola, in attesa della firma del nuovo CCNL 2022-2024, prevede non solo un aumento dello stipendio, ma anche il pagamento degli arretrati maturati da gennaio 2019 a dicembre 2022. Saranno 100 milioni di euro a essere destinati alla retribuzione ausiliaria per l’anno 2022: 85,8 milioni per i docenti e 14,2 milioni per il personale ATA.

Aumento e arretrati: quando verranno erogati

L’aumento dello stipendio e gli arretrati verranno erogati inoltro al 15 dicembre e percepiti entro il 25 dello stesso mese. Per quanto riguarda gli arretrati, la quota incassata dipenderà dal singolo lavoratore e oscillerà tra i 2.000 e i 3.000 euro.

Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui