Lavoro e assunzioni: le figure più richieste nel digitale

Sempre più richiesto l'uso di linguaggi e abilità informatiche

Transizione tecnologica e competenze specifiche: le aziende italiane sono alla ricerca di e-skill che nel 2022 hanno riguardato 823mila posizioni (in crescita rispetto al 2021). Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle figure ricercate e introvabili.

Le competenze digitali

Nel il 70% delle imprese ha investito nelle tecnologie digitali e in forme organizzative aziendali con nuovi modelli di business. Tuttavia, per una transizione tecnologica efficace è necessario avere personale qualificato, che però sembra difficile da trovare.

Secondo il Sole 24 Ore, nel 2022 in oltre 6 assunzioni su 10 sono state richieste competenze digitali di base e nella metà dei casi si cercano:

  • abilità nell’uso di linguaggi:
  • metodi matematici e informatici.

A oltre un terzo delle assunzioni, invece, veniva richiesto come requisito la gestione di soluzioni innovative 4.0.

Il report “Competenze digitali, 2022”, elaborato dal Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal,ha messo in luce come sia fondamentale oggi possedere competenze digitali nel mercato del lavoro, oltre alle e-skills.

Quali sono le professioni più ricercate nel digitale?

Tra le professioni più ricercate dalle aziende nel 2022 ci sono:

  • analisti e progettisti di software;
  • ingegneri elettronici e in telecomunicazioni;
  • progettisti e amministratori di sistemi;
  • ingegneri elettrotecnici;
  • ingegneri energetici e meccanici.

Assunzioni nel digitale: dove si concentrano?

Tra le città dove si concentrano il maggior numero di assunzioni con richiesta di linguaggi specifici e metodi informatici ci sono:

  • la provincia di Milano (113mila assunzioni);
  • Torino (44mila);
  • Bologna (23mila);
  • Brescia (quasi 22mila).

LEGGI ANCHE  Passaporto in Posta: da luglio disponibile in tutti gli uffici postali
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Greta Esposito
Greta Esposito
Copywriter e web editor, ho la fortuna di fare della scrittura la mia professione. Non viaggio mai senza musica in cuffia e amo le maratone di film in bianco e nero. Di cosa non posso fare a meno? Della libertà di gestire il mio tempo per dedicarmi alle mie passioni.