Aumento pensioni dicembre 2023 e tagli 2024, ecco cosa sapere

Quello che tra poco comincerà sarà un anno denso di cambiamenti: scopriamo cosa potrebbe prevedere la nuova Legge di Bilancio

Probabilmente avrete già sentito parlare del possibile aumento delle pensioni a dicembre 2023 e di eventuali tagli nel 2024: siamo sul finire dell’anno ed ecco che si cominciano a tirare le somme. Ma partiamo dalle buone notizie ovvero dall’aumento delle pensioni di dicembre 2023. Cosa sapere? Leggete di seguito e lo scoprirete.

Aumento pensioni dicembre 2023: le fasce di rivalutazione 

Generalmente è a gennaio che l’Inps provvede all’aumento degli importi degli assegni, correlato all’aumento dell’inflazione. Il cosiddetto conguaglio, però, quest’anno a quanto pare arriverà prima e già a dicembre 2023 molti pensionati potrebbero vedersi recapitare un importo maggiore. A dicembre 2023 dunque si avrà il conguaglio relativo a tutti i mesi del 2023, compresa la tredicesima. L’aumento sarà dello 0.8% e sarà l’Inps a calcolare quello che sarà l’importo effettivo del nuovo assegno pensionistico a dicembre 2023.

Taglio rivalutazione 2024

Cosa sapere invece sul taglio rivalutazione 2024? Nella nuova Legge di Bilancio è stata inserita una norma che modifica le percentuali di indicizzazione delle pensioni per il prossimo anno con una taglio che colpisce le fasce più alte di reddito. Coloro che percepiscono oltre 5.253 euro lordi subiranno nel 2024 una rivalutazione pari al 22% invece che al 32 % del valore che sarà registrato dall’ISTAT il prossimo anno. Tante comunque sono le novità sulle pensioni 2024, anche per chi vorrà usufruire della Quota 104.

LEGGI ANCHE  La nuova Irpef 2024: simulazione e impatto su diverse fasce di reddito
Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.