Bando ISI INAIL 2022: invio domande dal 2 maggio

Ecco come richiedere i contributi e fino a quando è possibile farlo

Dal 2 maggio sarà possibile inviare le domande per il bando ISI INAIL 2022. Si tratta di un’iniziativa indetta dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro per incentivare le imprese operanti sul mercato a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto. Un’iniziativa importante, dunque, che le imprese dovrebbero tenere in considerazione. Di seguito ecco tutte le informazioni utili.

Requisiti

Le imprese che possono fare domanda per il bando ISI INAIL 2022 sono quelle dislocate su territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura; possono partecipare inoltre anche gli Enti del terzo settore che potranno usufruire dei finanziamenti a fondo perduto per l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro innovative al fine di abbattere in modo significativo le emissioni inquinanti.

Quanti soldi a disposizione

Le risorse finanziarie per questo bando si attestano sui 335 milioni. Verranno poi suddivise per regioni e province secondo uno schema ben preciso deciso da Inail e consultabile a questo link.

Progetti ammissibili

Il bando ISI INAIL 2022 prevede 5 cosiddetti assi tematici. La novità di quest’anno riguarda l’Asse 4 dedicato progetti delle micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività: il settore merceologico interessato dal nuovo avviso pubblico è la ristorazione. I progetti sono così suddivisi:

  • progetti d’investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale – Asse di finanziamento 1. Finanziato per 161,8 milioni di euro
  • i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2. Finanziato con 40 milioni di euro
  • progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3. Finanziato con 86,5 milioni di euro circa
  • i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4: in particolare si rivolge alle MPMI operanti nel settore della raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e del recupero e preparazione per il riciclaggio dei materiali e in quello del risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti. Finanziato con 10 milioni di euro
  • progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli – Asse di finanziamento 5. Finanziato con 35 milioni di euro
LEGGI ANCHE  Modello 730/2024: cosa fare se l’azienda non anticipa il rimborso Irpef

Il consiglio è comunque quello di consultare l’avviso ufficiale di Inail per conoscere tutti i dettagli di questo bando.

Come fare domanda

Ma come poter partecipare al bando? La domanda potrà essere inviata fino alle ore 18 del 16 giugno direttamente dal sito ufficiale dell’Inail, accedendo alla sezione dedicata ai servizi online. Essendo la procedura di inserimento delle domande non semplicissima, Inail mette a disposizione anche un numero di assistenza da poter contattare in caso di dubbi: è lo 06.6001. In alternativa sarà possibile usufruire del servizio online “Inail risponde” che troverete nella sezione “Supporto” del sito Inail.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.