Bonus sociale bollette 2023: ISEE esteso a 15 mila euro

La legge di Bilancio 2023 prevede l’estensione dell’ISEE a 15.000 euro per usufruire del bonus sociale bollette 2023 luce e gas: come funziona

La legge di Bilancio 2023, ancora in fase di definizione, prevede un aumento della soglia ISEE fino a 15.000 euro, attualmente fissata a 12 mila, per ottenere il bonus sociale bollette luce e gas. Il disegno di legge ha l’obiettivo di affacciarsi a una platea di beneficiari del bonus sociale più estesa. È prevedibile, pertanto, che molte più persone percepiranno il bonus.

Di seguito, riportiamo tutto quello che c’è da sapere sul bonus, in vigore dal 1° gennaio 2023, e su come funzionerà secondo le modalità definite dalla nuova Legge di Bilancio.

Bonus sociale bollette 2023: di cosa parliamo

Il precedente esecutivo aveva già esteso la platea dei beneficiari della misura includendo i nuclei familiari con ISEE fino a 12.000 euro, per il periodo fino al 31 dicembre 2022. L’obiettivo del governo Meloni è quello, invece, di aumentare ulteriormente la soglia a quota 15.000 euro prevedendo di allargare il contributo ad oltre 600 mila persone.

L’incentivo, nato come bonus sociale, è stato introdotto per la prima volta nel 2019 e attivato operativamente soltanto nel 2021.

Il bonus sociale bollette include una detrazione automatica delle utenze di luce e gas per i nuclei familiari che rientrano in una specifica soglia di ISEE.

Originariamente l’accesso al contributo era destinato principalmente a tre categorie di famiglie:

  • famiglie con Isee entro 8265 euro;
  • famiglie con almeno 4 figli a carico e Isee entro i 20 mila euro;
  • i titolari di reddito e pensione di cittadinanza. 

Il tetto ISEE, come già accennato, da 12 mila euro potrebbe salire, allo stato attuale, a 15 mila.

Come richiedere il bonus

Per ricevere il bonus sociale bollette non è prevista nessuna domanda da presentare. Il contributo verrà erogato, dal 1° gennaio 2023, come detrazione automatica delle utenze, sulla base di un incrocio di dati con l’INPS che verificherà la validità dei requisiti.

Il requisito necessario, ai fini dell’erogazione del bonus, è l’ottenimento dell’ISEE aggiornato tramite la presentazione della DSU, dichiarazione sostitutiva unica. Nel caso in cui i requisiti non dovessero essere più in linea con quanto richiesto, il bonus viene interrotto in maniera automatica.

L’ammontare del bonus

L’ammontare del bonus sociale bollette 2023 viene dedotto periodicamente dall’Autorità di regolazione dell’Energia. L’importo delle utenze di luce e gas varia, ovviamente, sulla base dei componenti che formano un nucleo familiare.

In particolare, il valore del bonus sociale elettrico cambia a seconda dei casi, ovvero:

  • per il cittadino o nucleo familiare in condizioni di disagio economico, il valore dal numero di componenti del nucleo familiare ISEE indicati nella DSU, dalla categoria d’uso associata alla fornitura di gas (solo per quanto riguarda il bonus sociale per il gas) e dalla zona climatica di appartenenza del punto di fornitura (sempre esclusivamente per lo sconto sulla fornitura di gas);
  • per il cliente domestico in gravi condizioni di salute (disagio fisico), il valore del bonus (valido solo per la fornitura elettrica) è determinato dall’Autorità, in base ai criteri previsti dalla normativa e dipende da potenza contrattuale, apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e tempo giornaliero di utilizzo.

Per ricevere aggiornamenti sulle ultime news relative ai nuovi incentivi offerti dallo Stato, ti invitiamo a consultare questa sezione.

Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui