Colloqui di lavoro: quali tipologie esistono?

Dai colloqui di gruppo a quelli tecnici, ecco tutti i trucchi da conoscere

I colloqui di lavoro si sa, non sono tutti uguali. Ne esistono di diverse tipologie e il processo di selezione può dipendere da diversi fattori, come il settore per cui ci si candida e soprattutto il ruolo che si intende ricoprire. Ecco allora tutto quello che c’è da sapere sui diversi tipi di colloqui e qualche suggerimento per affrontarli al meglio.

Colloquio di selezione: le tipologie

I colloqui di selezione possono essere divisi per vari tipi, i principali sono:

  • di gruppo. In genere questa modalità viene utilizzata soprattutto nelle prime fasi di una selezione. Si tratta per lo più di giochi di ruolo ed esercizi che aiutano a verificare le capacità relazionali del candidato, oltre alla reazione allo stress e al dissenso. Durante questi colloqui è sempre bene cercare di essere se stessi il più possibile, senza cercare di fingere una personalità diversa per paura della valutazione.
  • Conoscitivi. In questo caso, invece, i colloqui aiutano a conoscere meglio il candidato, al di là di quanto scritto sul curriculum vitae. In genere il focus di questo colloquio verte sugli studi fatti, gli interessi e le motivazioni. Qui è importante che il selezionatore percepisca l’entusiasmo e le aspettative del candidato, in modo del tutto trasparente.
  • Tecnici. Quando ci si candida per posizione tecniche che richiedono abilità specifiche è importante sapere che molto probabilmente si dovrà sostenere un colloquio di questo tipo. Di solito vengono gestiti non da professionisti della selezione e HR Manager ma esperti e manager di settore. Le domande si presentano dettagliate con l’obiettivo di verificare le esperienze e le competenze effettive del candidato.
LEGGI ANCHE  Modello 730/2024: cosa fare se l’azienda non anticipa il rimborso Irpef

Come prepararsi ad un colloquio?

Le fasi di selezione non sono tutte uguali, in alcuni casi possono presentarsi tutte le diverse tipologie di colloquio insieme, altre l’azienda ne seleziona 1 o 2 sulla base del profilo ricercato. Ciò che conta è sempre restare concentrati su se stessi, mantenendo un tono di voce consono e cercare di non scomporsi mai. Qualunque sia l’esito della selezione, è sempre bene ricordarsi che solo impegnandosi nella gestione dei colloqui si raggiunge il proprio obiettivo.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Greta Esposito
Greta Esposito
Copywriter e web editor, ho la fortuna di fare della scrittura la mia professione. Non viaggio mai senza musica in cuffia e amo le maratone di film in bianco e nero. Di cosa non posso fare a meno? Della libertà di gestire il mio tempo per dedicarmi alle mie passioni.