Come richiedere l’Assegno Unico per chi non ha più Rdc: la guida INPS

Segui la procedura per presentare la domanda di Assegno Unico nel 2024 secondo le regole dell'INPS.

La cessazione del Reddito di Cittadinanza nel 2023 ha portato all’introduzione di nuove procedure per coloro che desiderano richiedere l’Assegno Unico Universale (AUU) per i figli.

L’INPS ha recentemente pubblicato le istruzioni dettagliate per la presentazione della nuova domanda, che dovrà essere effettuata a partire da marzo 2024.

Continuità dell’AUU fino a febbraio 2024

Con il termine del Reddito di Cittadinanza nel 2023, l’Assegno Unico e Universale (AUU) per i figli sarà ancora erogato attraverso la carta Reddito di Cittadinanza fino a febbraio 2024. Tuttavia, a partire da marzo 2024, è necessario presentare una nuova domanda per garantire la continuità del beneficio.

Criteri e scadenze per la nuova domanda AUU

Il Messaggio n.258 del 19-01-2024 dell’INPS ha delineato chi deve presentare la nuova domanda per l’Assegno Unico. Le regole includono:

  • Per coloro la cui fruizione del Reddito di Cittadinanza è cessata nel 2023, l’AUU sarà ancora erogato fino a febbraio 2024. Dall’inizio di marzo 2024, è obbligatorio presentare una nuova domanda per l’AUU.
  • Per i nuclei familiari con sospensione del RdC nel 2023 e figli tra 18 e 21 anni, l’INPS garantirà la prestazione fino a febbraio 2024. Da marzo 2024, sarà necessario presentare una nuova domanda per continuare a beneficiare dell’AUU.

Sostituzione del RdC e procedure di presentazione domanda AUU

La Legge di Bilancio 2023 ha stabilito lo stop al Reddito di Cittadinanza dal 1° gennaio 2024, sostituendolo con l’Assegno di Inclusione o il Supporto Formazione e Lavoro attivo dal 1° settembre 2023. La procedura per presentare la nuova domanda per l’AUU richiede l’inoltro della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il 2024, con l’aggiornamento dell’ISEE per ottenere l’importo completo.

Verifica dei dati e importo minimo

L’INPS ha sottolineato l’importanza di verificare la correttezza dei dati di pagamento indicati nella domanda. Il Messaggio n.258 del 19-01-2024 specifica che è essenziale controllare l’esattezza del codice IBAN del conto corrente o della carta prepagata, che deve essere intestato o cointestato al richiedente la prestazione.

LEGGI ANCHE  Poste Italiane: eliminato il requisito del voto minimo per Postini nel 2024

Scadenze e adeguamenti per evitare perdita di diritti

Il Messaggio n.258 del 19-01-2024 afferma chiaramente che coloro che ricevevano il Reddito di Cittadinanza fino al 2023 devono presentare la domanda per l’AUU entro marzo 2024 per evitare la perdita del diritto al sussidio. È possibile presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) entro il 30 giugno 2024 senza perdere gli arretrati, che saranno corrisposti successivamente con un conguaglio.

Calendario pagamenti e approfondimenti

L’INPS consiglia di consultare il calendario dell’Assegno Unico 2024 da gennaio a giugno per conoscere le date di pagamento. Per una comprensione approfondita della normativa e delle novità sull’AUU, è disponibile una guida dettagliata. Oltre alla guida sull’Assegno Unico, sono disponibili risorse aggiuntive riguardanti il congedo di paternità e il bonus asilo nido, offrendo informazioni dettagliate su aiuti, agevolazioni e bonus per lavoratori e famiglie. Per ulteriori dettagli, è possibile consultare la pagina dedicata.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Valerio Mainolfi
Valerio Mainolfi
Specializzato in comunicazione e marketing, amante della scrittura creativa, navigo costantemente tra ambizioni future e sfide del nostro tempo, agganciato all’evoluzione illogica del mio essere.