Flat tax incrementale: le regole per i forfettari secondo l’Agenzia delle Entrate

Tutte le indicazioni trasmesse dall'Agenzia delle Entrate

I contribuenti in regime forfettario possono in parte sfruttare i vantaggi della flat tax incrementale prevista nella Legge n°197/2023, Legge di bilancio 2023. Grazie alla bozza della circolare emessa pochi giorni fa in consultazione pubblica, L’Agenzia delle entrate ha rilasciato i primi chiarimenti: ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

Che cos’è la flat tax incrementale?

Se la flat tax ordinaria è il termine con il quale viene individuato il regime forfettario, la flat tax incrementale è stata introdotta dalla Legge di bilancio 2023 e ha come obiettivo quello di favorire imprese e lavoratori autonomi non in regime forfettario.

Cosa prevede la flat tax incrementale

La legge 29 dicembre 2022, n. 197 (c.d. legge di bilancio 2023), all’articolo 1, commi da 55 a 57, ha introdotto la “tassa piatta incrementale” o “flat tax incrementale”, limitatamente all’anno d’imposta 2023. Sostitutivo dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) e delle relative addizionali regionale e comunale, la flat tax al 15% può essere applicata ai redditi prodotti in più nel 2023 (rispetto al reddito più alto del triennio precedente).

Per quanto riguarda la base imponibile non può superare i 40.000 euro e deve essere decurtata di un importo pari al 5 per cento del reddito più alto del triennio 2020, 21 e 22.

Chi può avvalersi della flat tax?

Per quanto riguarda la possibilità per il regime forfettario di avvalersi dei vantaggi della flat tax, ecco un passaggio chiarificatore riportato all’interno della circolare dell’Agenzia delle Entrate:

LEGGI ANCHE  Decreto Agricoltura 2024: novità, incentivi e misure per la sostenibilità delle imprese agricole

“Può, tuttavia, accedere al regime agevolativo (al ricorrere dei requisiti previsti dalla relativa norma introduttiva) il contribuente che decada dal regime forfetario in corso d’anno, laddove i ricavi o i compensi percepiti siano di ammontare superiore a 100.000 euro. In tale ipotesi, infatti, questi è tenuto a determinare il reddito con le modalità ordinarie per l’intero anno d’imposta 2023”.

L’adesione al regime forfetario in uno o più degli anni dal 2020 al 2022 non preclude l’accesso al regime della “flat tax incrementale” per l’anno d’imposta 2023.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Greta Esposito
Greta Esposito
Copywriter e web editor, ho la fortuna di fare della scrittura la mia professione. Non viaggio mai senza musica in cuffia e amo le maratone di film in bianco e nero. Di cosa non posso fare a meno? Della libertà di gestire il mio tempo per dedicarmi alle mie passioni.