I mestieri più difficili da trovare nel mondo del lavoro

Il settore del turismo e ristorazione è tra quelli maggiormente in difficoltà

Il mondo del lavoro è ancora in crisi, almeno in Italia, eppure ci sono alcune professioni che mancano. Lo sanno tutte quelle imprese che ne sono alla ricerca . E allora scopriamo quali sono i mestieri più difficili da trovare: una indicazione utile anche per tutti quei giovani che magari potrebbero scegliere di fare determinate scelte per poi rivendersi con successo nel mondo del lavoro.

Lo studio

L’indagine di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza fa emergere un quadro decisamente complesso in ambito selezione del personale. Alcuni mestieri sono praticamente introvabili; la domanda è alta ma purtroppo non trova soddisfazione perché manca una risposta concreta. Mancano competenze in determinati settori, manca il cosiddetto ricambio generazionale. I mestieri di una volta, insomma, non esistono più. Lo studio prende in considerazione 543 imprese operanti in diversi settori: ristorazione (28%), dettaglio non alimentare (16%), ingrosso (7%) e servizi alle imprese (6%). Il numero di occupati è compreso tra le 2 e le 20 unità e a questa categoria appartengono l’80% delle imprese.

Secondo lo studio il 78% delle imprese sarebbe pronto a assumere nuovo personale e i settori maggiormente in cerca riguarderebbero il comparto della ricettività (96%), i servizi della ristorazione (91%), l’artigianato (85%) e l’ingrosso (61%).

Le figure più ricercate

I mestieri più difficili da trovare quali sarebbero? Camerieri e personale di sala (25%) sono in assoluto le figure più ricercate ma anche cuochi e baristi (19%) sono tra i mestieri più richiesti, così come i commessi (16%) e gli addetti alle attività amministrative (10%). Tra le figure meno ricercate invece ecco gli addetti alle pulizie, i receptionist e gli addetti all’accoglienza e alla manutenzione dei servizi (7%).

LEGGI ANCHE  Pagamenti digitali: semplificare la gestione delle operazioni finanziarie grazie alle piattaforme

Motivi della carenza

Secondo lo studio sopra menzionato, si registra una carenza di personale in primis perché mancano le competenze. In secondo luogo si incontrano difficoltà nel trovare persone disposte a lavorare nel fine settimane e nelle giornate di festa, con orari particolari.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore
Maris Matteucci
Maris Matteuccihttps://www.circuitolavoro.it/
Giornalista pubblicista, amo leggere e scrivere, adoro gli animali e la natura, mi piacciono tantissimo i bambini. Vivo col sorriso perché, specialmente da quando ho superato i 40 anni, ho ancora più chiaro, in testa, un concetto: che la vita è troppo breve per passarla ad essere arrabbiati. Questa sono io.