Invalidità civile: accertamento e revisione senza visita diretta

Scopri le recenti modifiche normative che consentono l'accertamento e la revisione dell'invalidità civile senza visita in presenza.

La procedura per l’accertamento e la revisione dell’invalidità civile ha subito importanti aggiornamenti, consentendo ora l’iter burocratico senza la necessità di una visita in presenza. Grazie al Decreto Disabilità del 2024 e al precedente Decreto Legge 16 luglio 2020, n. 76, è possibile procedere sulla base della sola documentazione fornita dal richiedente, dal medico certificatore o dal Patronato, facilitando così l’accesso alle prestazioni per i cittadini impossibilitati a presentarsi fisicamente.

Le novità introdotte dalla normativa

Con l’obiettivo di semplificare le procedure burocratiche e di rispettare le necessità dei cittadini con difficoltà motorie o di altra natura, sono state introdotte due principali novità legislative: il Decreto Disabilità 2024 e il Decreto Legge 16 luglio 2020, n. 76. Queste disposizioni consentono l’accertamento e la revisione dell’invalidità civile senza la necessità di una visita diretta, attraverso la valutazione a distanza degli atti presentati.

Modalità di presentazione della domanda senza visita

Il processo di accertamento e revisione senza visita diretta si articola in alcuni step chiave:

  • Presentazione del certificato medico introduttivo con la richiesta di valutazione basata sulla documentazione fornita.
  • Trasmissione dell’intera documentazione necessaria a comprovare il grado di disabilità attraverso il servizio “Allegazione documentazione Sanitaria Invalidità Civile” messo a disposizione dall’INPS.

Questa procedura, originariamente introdotta durante l’emergenza Covid-19, è ora divenuta la norma, come riportato nei Messaggi INPS n. 926 del 25 febbraio 2022 e n. 1060 del 17 marzo 2023.

Quando è possibile evitare la visita

La visita diretta può essere omessa nei seguenti casi:

  • Quando la documentazione sanitaria inviata è sufficientemente dettagliata da consentire una valutazione obiettiva dell’invalidità.
  • Se la Commissione Medica, dopo aver esaminato gli atti, non riscontra elementi che necessitano di un approfondimento tramite visita diretta.
LEGGI ANCHE  Ferie negate dal datore di lavoro: diritti, normative e come agire

Per i dettagli e le condizioni specifiche, fare riferimento al Messaggio INPS n. 1060 del 17-03-2023.

Procedura in caso di impossibilità a presentarsi

Nel caso in cui si verifichino circostanze che impediscono fisicamente al richiedente di presentarsi a una visita eventualmente richiesta dall’INPS, quest’ultimo dovrà fornire una giustificazione documentata alla sede INPS competente, la quale valuterà la possibilità di convocare il richiedente per una nuova visita.

Sospensione e revoca della prestazione

È importante notare che l’assenza ingiustificata a una visita di revisione, se richiesta, può portare alla sospensione e successiva revoca della prestazione economica legata all’invalidità. Tutte le comunicazioni relative a tale procedura saranno chiaramente esplicitate dall’INPS.

Riferimenti e aggiornamenti

Per maggiori informazioni e per rimanere aggiornati sulle ultime novità, visita la sezione dedicata alle news sul nostro sito.

Potrebbe interessarti anche
- Advertisement -
Ultimi articoli
Autore