Manovra 2023: per i docenti si prevedono 70mila posti di lavoro

Nuove assunzioni tra il 2023 e il 2024

La Legge di Bilancio 2023 prevede novità anche per i docenti: sono 70.000 le assunzioni previste tra il 2023 e il 2024 richieste dal PNRR, a seguito di nuovi concorsi che serviranno per ingaggiare insegnanti.

In attesa dell’approvazione entro dicembre 2022 del Parlamento, intanto la Camera sta valutando anche muove misure inerenti istruzione e merito: l’articolo 100 della manovra cita 150 milioni di euro che verranno stanziati per gli aumenti degli stipendi del personale scolastico e per l’organizzazione dei concorsi finalizzati alle assunzioni di docenti.

Nello specifico la manovra prevede nuovi fondi ed aumenta di 10 milioni di euro, rispettivamente per le annate 2024 e 2025, l’autorizzazione di spesa destinata alla copertura degli oneri di organizzazione delle procedure concorsuali per il reclutamento del personale docente delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

I docenti dovranno essere assunti entro dicembre 2024, e visto il ritardo degli attuali ingaggi l’aumento dei fondi servirà a coprire tutti i concorsi necessari, sperando che l’obiettivo delle 70.000 assunzioni per i prossimi due anni venga raggiunto.

In alternativa, il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, propone di chiedere all’UE una proroga per realizzare le riforme del PNRR per la scuola: manca per esempio ancora un decreto con le regole per la formazione e l’abilitazione dei docenti.

Non ci resta in primis che aspettare il testo definitivo della Legge di Bilancio 2023 e solo dopo si potranno definire le novità in atto per ciò che concerne gli insegnanti.

Carla Monni
Carla Monni
Giornalista, appassionata di grafica e musicista ormai per diletto. La musica è al centro della mia professione e non solo: da anni affianco infatti la scrittura redazionale alla pratica musicale, spaziando dalla musica jazz al gospel e suonando qua e là con la mia band soul funk.
Ultimi articoli
Potrebbe interessarti anche

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui